Home » » In arrivo nuovi rifiuti elettronici: rischi e opportunità

In arrivo nuovi rifiuti elettronici: rischi e opportunità

Da agosto diventano Raee anche eBike e penne usb, prolunghe e prese elettriche

E-Bike e penne usb. Stufe a pellet, prolunghe e prese elettriche. Sono tra le ‘nuove’ apparecchiature elettriche ed elettroniche che, una volta dismesse, finiranno nella categoria Raee (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) e quindi differenziate e gestite come tali. Ad agosto, infatti, entra in vigore l’Open Scope, ovvero quanto previsto dal Decreto Legislativo 49/2014 che da metà mese estende la tipologia dei prodotti elettrici ed elettronici soggetti alla normativa europea sui rifiuti elettronici. In pratica, vi rientreranno tutte le apparecchiature non esplicitamente escluse. Così nuovi oggetti di uso comune dovranno essere differenziati correttamente dai cittadini e nuovi soggetti (i relativi produttori) saranno coinvolti nella loro dismissione.
Di cosa si tratta esattamente e cosa cambia? «L’Open Scope è il tentativo da parte dell’Ue e degli Stati membri di trovare soggetti cui affidare il finanziamento e la gestione di una sempre più ampia tipologia di rifiuti. Quindi sotto il cappello dei Raee vengono inserite altre tipologie di apparecchiature che fino ad agosto 2018 non erano considerate tali. Avremo progressivamente un numero di soggetti chiamati a finanziare queste attività più ampio, quindi potenzialmente più risorse», spiega direttore generale di Ecodom e neopresidente del Centro di Coordinamento Raee Giorgio Arienti.
Maggiori risorse per gestire maggiori quantità di prodotti da smaltire. Con diversi risvolti socio-economici positivi. I dati aggiornati di uno studio Remedia-Iefe Bocconi prevedono 13-15mila posti di lavoro in più, 98-112 milioni di euro di valore economico associato alle emissioni risparmiate e 1.250 milioni di euro di risparmio nell’acquisto di materie prime. Non solo. Se i target di raccolta (65% sull’immesso al consumo dal 2019) saranno raggiunti, il passaggio al nuovo sistema determinerà anche un netto calo delle emissioni di CO2 pari a 2,2/2,5 milioni di tonnellate all’anno.
«Questo cambiamento normativo è un’ulteriore opportunità per la tutela dell’ambiente - rimarca Danilo Bonato, direttore generale di Consorzio Remedia - in quanto permetterà il riciclo di più rifiuti, permettendo di ricavare maggiori quantità di materiali e di ridurre gli impatti ambientali, in termini di emissioni di CO2, consumo di acqua, suolo ed energia». Opportunità, ma anche rischi. «Temo, come è successo all’inizio del sistema Raee, che i produttori ci metteranno molto tempo prima di accorgersi che hanno un nuovo obbligo di legge quindi non sarà immediato il fatto che i nuovi produttori si adeguino alla nuova normativa - afferma Arienti - Per quanto riguarda i cittadini sarà molto importante spiegare che altre tipologie di rifiuti devono essere oggetto di raccolta differenziata».

(13 Giu 2018 - Ore 18:43)

Commenti

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Lines and paragraphs break automatically.

More information about formatting options

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Post new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Lines and paragraphs break automatically.

More information about formatting options

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Editore EDITORIALE LA PROVINCIA Soc. Coop., c.f. 09106271001 - Reg. Tribunale di Civitavecchia n°14/05 - ISSN 2038-5005
Redazione: Via Annovazzi, 15 - 00053 Civitavecchia. Tel. 0766.503027 - Fax 0766.581316 - Direttore Responsabile ALESSANDRA ROSATI - Testata beneficiaria dei contributi per l'editoria L.250/90 e ss.mm. e ii.- La riproduzione di tutti i contenuti del sito è vietata senza il consenso scritto dell'editore. - Privacy Policy