VENERD├Č 18 Ottobre 2019 - Aggiornato alle 22:42

Home » » Miasmi al Miami, il comitato di quartiere incontra l'Assessore

Miasmi al Miami, il comitato di quartiere incontra l'Assessore

Riunione nei giorni scorsi a palazzo Falcone per discutere della problematica che affligge i residenti da anni. Lo scorso anno era stato presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Civitavecchia. Ieri diverse le zone della città colpite dalla puzza di bruciato. Cerreto avvolto da una cappa di fumo. Odore acre avvertito fino a Valcanneto

LADISPOLI – Sono tornati a chiedere maggiori controlli sul territorio per impedire agli incivili di bruciare rifiuti nel cuore della notte. Quegli stessi rifiuti, quegli stessi roghi che rendono troppo spesso, purtroppo, l'aria irrespirabile in gran parte della città balneare. Sono i cittadini del quartiere Miami. Il Comitato di quartiere è riuscito nei giorni scorsi a incontrare l'assessore alla Sicurezza, Amelia Mollica Graziano. Durante l'incontro i riflettori sono stati nuovamente puntati sulla situazione relativa ai miasmi: un problema che da anni ormai attanaglia il quartiere e a cui oggi non è stata trovata una soluzione. Dall'incontro sarebbe emerso quanto effettuato dall'amministrazione a tal proposito. Alcuni pattugliamenti del territorio che hanno portato ad elevare alcune sanzioni amministrative a chi è stato colto in flagranza di reato. Alcuni episodi a cui sia la Polizia municipale che le guardie ambientali sarebbero riusciti a risalire sono stati individuati in zona Torre Flavia. Ma non sarebbero gli unici purtroppo. Spesso il quartiere sulla settevene Palo, nei pressi dell'ingresso nord della città balneare, viene raggiunto anche dai fumi causati dagli incendi appiccati nella notte nelle campagne ladispolane: Olmetto, Boietto, Monteroni.
L'ESPOSTO. Già lo scorso anno i residenti del quartiere Miami avevano presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Civitavecchia sulla vicenda. «Purtroppo in questi ultimi giorni – aveva scritto il presidente del Comitato, Tommaso Forese – abbiamo constata altri sconcertanti episodi da parte di ignoti che senza coscienza o porsi alcun pensiero sta continuando a mettere ad alto rischio e pericolo la salute pubblica. Confidiamo nella maggiore capacità ed autorità d'intervento della magistratura viste le oggettive difficoltà riscontrate, malgrado la volontà espressaci, rivolgendoci sia alle autorità comunali che alle forze dell'ordine presenti sul territorio». Ad oggi, a oltre un anno dalla presentazione del documento alla magistratura, la situazione non sembra essere cambiata, con i cittadini che tornano a chiedere con forza l'intervento di tutti gli enti preoposti al controllo per la tutela della salute pubblica.
LA PETIZIONE. Tanto che nei mesi scorsi, per rafforzare questa richiesta, è stata creata sulla piattaforma di change.org una petizione. Nella petizione si torna a ribadire come «da parecchi mesi e soprattutto nelle ore notturne la città di Ladispoli e le località vicine , vengono avvolte da pericolosi fumi tossici. Il forte odore acre di plastica bruciata e chissà quali altri materiali, constringe i cittadini a dover tenere le finestre chiuse anche durante l'estate. Nonostante le numerose segnalazioni dei cittadini – si legge nella petizione – la situazione non è cambiata. Risulta molto difficile capirne la provenienza soprattutto perché i roghi vengono appiccati durante la notte. Inoltre – prosegue ancora la petizione – tutte le strade periferiche intorno all'Aurelia sono spesso invase da spazzatura che, verosimilmente, viene scaricata anche da grandi camion. Tutto ciò comporta un rischio per la salute dei cittadini e di inquinamento dei territori che dovrebbero invece essere maggiormente tutelata». La richiesta è semplice: «Maggior controllo del territorio attraverso l'utilizzo di Forze dell'ordine e Protezione civile al fine di fermare questa barbarie ai danni dell'ambiente e dei cittadini. I reati ambientali – si conclude nella petizione – devono essere prontamente puniti da chi compie questi insani gesti».
ANCHE IERI SERA PUZZA DI BRUCIATO AL CERRETO E AL MIAMI. E anche ieri sera l'odore acre di rifiuti bruciati ha avvolto la periferia della città. A cominciare proprio dal quartiere Miami. I residenti della zona si sono ritrovati come avvolti da una nuvola di fumo, senza riuscire a capire da dove provenisse il problema. Un disagio quello vissuto ieri sera condiviso da diversi cittadini, anche del quartiere Miami. Quel quartiere che da tempo chiede di individuare il problema e risolverlo alla radice. Un problema più esteso di quel che si possa immaginare, dato che la puzza di bruciato è stata avvertita anche a Marina di Cerveteri, da una parte, e a Valcanneto, dall'altra. Segno che a essere colpito dai roghi tossici non è solo il comune ladispolano ma anche quello vicino: Cerveteri. 

(10 Ott 2019 - Ore 08:52)

Commenti

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Lines and paragraphs break automatically.

More information about formatting options

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Post new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Lines and paragraphs break automatically.

More information about formatting options

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

´╗┐

Editore EDITORIALE LA PROVINCIA Soc. Coop., c.f. 09106271001 - Reg. Tribunale di Civitavecchia n┬░14/05 - ISSN 2038-5005
Redazione: Via Annovazzi, 15 - 00053 Civitavecchia. Tel. 0766.503027 - Fax 0766.581316 - Direttore Responsabile ALESSANDRA ROSATI - Testata beneficiaria dei contributi per l'editoria L.250/90 e ss.mm. e ii.- La riproduzione di tutti i contenuti del sito ├Ę vietata senza il consenso scritto dell'editore. - Privacy Policy