DOMENICA 25 Agosto 2019 - Aggiornato alle 21:16

Home » » Scarsa attenzione ai problemi dei diversamente abili

Scarsa attenzione ai problemi dei diversamente abili

"In un passato non troppo lontano noi malati con determinate patologie eravamo chiamati handicappati, poi questo vocabolo è stato sostituito con la parola disabili e più recentemente, considerando questo appellativo come irrispettoso (per riguardo dovuto a chi si trova in questa situazione fisica?), è stato coniato il termine “diversamente abili” ma a parte la definizione, per noi che cosa è cambiato! Qualcuno sa spiegarcelo? Perché a noi “diversamente abili” ci sembra che sia cambiato poco o niente. Come prima e forse più di prima continuiamo a sentirci completamente ignorati e abbandonati nella nostra infermità, nella sofferenza fisica e morale da buona parte della società “normale” che non ha occhi per vedere né orecchie per sentire e dalle istituzioni poco attente ai nostri problemi e alle nostre vitali esigenze. Problemi ed esigenze che gravano quasi esclusivamente sulle nostre famiglie le quali devono arrabattarsi tra mille difficoltà per provvedere a noi in tutto e per tutto. In un tessuto sociale dove manca solidarietà e rispetto verso i più deboli, il senso di umanità che distingue l’uomo e che dovrebbe guidare l’esistenza, le scelte, i doveri dei singoli cittadini e degli enti preposti, i disabili, i malati, i diseredati vivono in un sommerso mondo di dolore e privazioni. Questo tipo di società può definirsi civile e democratica? Od è piuttosto un ammasso di persone che incurante degli altri si preoccupa di zappare e far prosperare il proprio orticello? Noi qui rappresentiamo una piccola parte dei tanti disabili (preferiamo questa definizione meno dissimulatrice) che vivono nella nostra città. La nostra condizione è una realtà alla quale siamo indissolubilmente legati e cerchiamo di viverla non certamente da rassegnati ma come esseri normali, con le nostre speranze, i nostri sogni, le nostre aspirazioni, con dignità e coraggio, confortati fortunatamente dall’aiuto di persone che ci amano, ci rispettano, ci ascoltano e soprattutto non ci considerano “fratelli minori”. A noi non occorre e non cerchiamo il pietismo di nessuno. Vogliamo richiamare l’attenzione di chi immerso nella sua quotidianità è lontano dal nostro mondo e non comprende o finge di non comprendere le difficoltà che riguardano chi, certamente non per propria scelta, è inchiodato su una sedia a rotelle o vive in altre gravi e drammatiche situazioni. Siamo cittadini che amano la propria città nella quale però viviamo privi di ogni considerazione per il nostro stato, in modo discriminante tra mille difficoltà e problemi che ci investono quando usciamo dalle nostre case e dagli Istituti e per questo rivendichiamo a gran voce il rispetto dei nostri diritti innati ed inviolabili quali :
1. La nostra integrazione nel contesto cittadino e ci rivolgiamo alle Autorità’ Politiche e Sociali e ai nostri Amministratori che hanno il dovere di vigilare e tutelarci
2. Il rispetto di una civile convivenza sociale e ci rivolgiamo a quelle persone che con la totale mancanza di sensibilità ed educazione civica occupano senza diritto i parcheggi a noi riservati, ostruiscono i passaggi pedonali e quant’altro. 

  • Impossibilità di accesso in molti luoghi pubblici
  • Impossibilità per i disabili di salire sui mezzi pubblici
  • Ingresso al Cinema non a norma Lo Stadio senza bagno per i disabili
  • L’accesso alle porta dell’ufficio postale di Via Giordano Bruno proibitivo per le carrozzine
  • Parcheggi limitati nei luoghi pubblici(un solo posto in Via Etruria davanti alla ASL) e potrebbero seguire tanti altri esempi .

A Voi Signor Sindaco, Signori Assessori, Autorità competenti rivolgiamo l’invito a venire con noi per trascorrere qualche ora immedesimati nella nostra realtà e rendervi conto personalmente di quanto ci è vergognosamente precluso e quanto tutto ciò ci fa sentire la morsa dell’emarginazione fisica, morale e sociale".

Il Gruppo
Difendiamo i nostri diritti di disabili di Civitavecchia 

 

(04 Giu 2011 - Ore 20:06)

Commenti

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Lines and paragraphs break automatically.

More information about formatting options

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Post new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Lines and paragraphs break automatically.

More information about formatting options

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Blitz di Goletta Verde al largo di Tvn

    10 Ago 2019 - Esposto uno striscione con scritto "Nemico del clima". Legambiente: "Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia" 

  • Servizio irriguo, garantito fino al termine della stagione

    07 Ago 2019 - Il sindaco annuncia che ha ufficialmente richiesto alla Multiservizi la proroga al 30 settembre. Pascucci: «In autunno sarà necessario trovare delle soluzioni alternative»  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

´╗┐

Editore EDITORIALE LA PROVINCIA Soc. Coop., c.f. 09106271001 - Reg. Tribunale di Civitavecchia n┬░14/05 - ISSN 2038-5005
Redazione: Via Annovazzi, 15 - 00053 Civitavecchia. Tel. 0766.503027 - Fax 0766.581316 - Direttore Responsabile ALESSANDRA ROSATI - Testata beneficiaria dei contributi per l'editoria L.250/90 e ss.mm. e ii.- La riproduzione di tutti i contenuti del sito ├Ę vietata senza il consenso scritto dell'editore. - Privacy Policy