DOMENICA 25 Agosto 2019 - Aggiornato alle 21:16

Home » » Trieste, arrestato un cittadino pakistano clandestino

Trieste, arrestato un cittadino pakistano clandestino

TRIESTE - Nell’ambito della operazione “Altopiano carsico”, la Polizia di Stato ha concluso con l’esecuzione di una ulteriore misura cautelare disposta dalla Direzione Distrettuale Antimafia presso la Procura della Repubblica di Trieste, diretta dal Procuratore Capo Carlo Mastelloni, una complessa operazione che ha visto il capoluogo giuliano e in particolare l’altipiano carsico, quale crocevia di flussi migratori illegali provenienti dal Pakistan, lungo il “corridoio balcanico”. L'operazione denominata appunto “Altipiano Carsico”, muove dal rintraccio di 37 migranti irregolari di origine pakistana da parte della Polizia di frontiera di Trieste, e ha consentito di smantellare un sodalizio criminale transnazionale che favoriva l'immigrazione clandestina di cittadini pakistani verso l’Italia.

 


L’INTERVENTO DEGLI AGENTI DELLA POLIZIA DI FRONTIERA


Più precisamente, gli uomini del Settore di Polizia di Frontiera di Trieste hanno eseguito, in cooperazione con le Squadre Mobili di Napoli, Venezia, Trento e Treviso, tre ordinanze di custodia cautelare per il reato di favoreggiamento pluriaggravato dell’immigrazione clandestina nei confronti di un  cittadino pakistano e un cittadino indiano, con regolare permesso di soggiorno in Italia, residenti in Veneto, dove svolgono l’attività di venditori ambulanti; nel capoluogo partenopeo, invece, è stato tratto in arresto il cittadino pakistano (A.R.A.M.U. le sue iniziali) di anni 25, con permesso di soggiorno in Italia quale richiedente protezione internazionale. Nella serata di sabato 13 luglio, è stata data esecuzione da parte della Squadra Mobile di Bergamo a una ulteriore custodia cautelare in carcere, a carico di un cittadino pakistano, a completamento dell’Operazione “Altopiano carsico”.  (Agg.16/7 ore 19,44)


IL PROVVEDIMENTO DEI GIP


Le indagini, hanno dato conferma al network criminoso a cui sono stati ricondotti numerosi trasporti effettuati lungo la cd. “Rotta balcanica” tra Bosnia-Erzegovina, Croazia, Slovenia e Italia, stimabile in circa un centinaio di cittadini pakistani, clandestinamente introdotti nel nostro Paese attraverso la zona transfrontaliera dell’altopiano carsico. Da qui la decisione degli organi inquirenti di richiedere al G.I.P. del Tribunale di Trieste l’emissione di un provvedimento restrittivo nei confronti di quattro cittadini pakistani, ritenuti tra i soggetti principali del sodalizio criminoso,  per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina aggravata. Questa operazione si colloca nell’alveo del rafforzamento dell’attività di prevenzione e repressione della criminalità transfrontaliera nella Provincia di Trieste da parte della Polizia di Frontiera. (Agg.16/7 ore 19,49)

(16 Lug 2019 - Ore 19:39)

Commenti

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Lines and paragraphs break automatically.

More information about formatting options

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Post new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Lines and paragraphs break automatically.

More information about formatting options

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Blitz di Goletta Verde al largo di Tvn

    10 Ago 2019 - Esposto uno striscione con scritto "Nemico del clima". Legambiente: "Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia" 

  • Servizio irriguo, garantito fino al termine della stagione

    07 Ago 2019 - Il sindaco annuncia che ha ufficialmente richiesto alla Multiservizi la proroga al 30 settembre. Pascucci: «In autunno sarà necessario trovare delle soluzioni alternative»  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

´╗┐

Editore EDITORIALE LA PROVINCIA Soc. Coop., c.f. 09106271001 - Reg. Tribunale di Civitavecchia n┬░14/05 - ISSN 2038-5005
Redazione: Via Annovazzi, 15 - 00053 Civitavecchia. Tel. 0766.503027 - Fax 0766.581316 - Direttore Responsabile ALESSANDRA ROSATI - Testata beneficiaria dei contributi per l'editoria L.250/90 e ss.mm. e ii.- La riproduzione di tutti i contenuti del sito ├Ę vietata senza il consenso scritto dell'editore. - Privacy Policy