Pubblicato il

«Già consegnati migliaia di buoni spesa»

Il punto del sindaco Tidei. Verso un’ordinanza per l’uso obbligatorio di mascherine

Il punto del sindaco Tidei. Verso un’ordinanza per l’uso obbligatorio di mascherine


Condividi

SANTA MARINELLA – Dopo un mese di quarantena dovuto alla sua positività, il sindaco Pietro Tidei torna ufficialmente nel suo ruolo di sindaco ed indice una conferenza stampa per dare alcune importanti notizie che riguardano la città. “Oggi è il secondo giorno di libertà – esordisce il primo cittadino – e sono lieto di riprendere il mio posto. Sono con me alcuni membri della maggioranza, perché questo è un momento importante per Santa Marinella, in quanto stiamo affrontando i problemi causati dalla grave crisi prodotta dal coronavirus. Intanto ringrazio di cuore tutti i volontari del Centro Operativo Comunale formato dalla Misericordia, dalla Croce Rossa, dal Nucleo Sommozzatori a cui collaborano anche le forze dell’ordine come la Polizia locale, i Carabinieri, la Guardia di Finanza e la Polizia di Stato, che con grande abnegazione stanno affrontando un lavoro mastodontico fatto di fornitura di mascherine, medicinali, buoni spesa e pacchi alimentari a coloro che non possono uscire di casa e controllo sulle strade. Faccio presente che abbiamo ricevuto dal Governo 111mila euro che, nel giro di pochi giorni, ne abbiamo utilizzati la metà per emettere migliaia di buoni spesa che sono già stati consegnati ai cittadini che ne avevano diritto. Siamo il primo Comune in Italia che in pochi giorni ha fatto un bando ad hoc, ha individuato gli aventi diritto e da ieri ha consegnato i buoni spesa che sono stati utilizzati nei negozi e nei supermercati che hanno aderito alla nostra iniziativa. C’è chi ha provato, avendo a disposizione un buono di 50 euro, a fare spesa per 20 o 30 euro, chiedendo come resto i soldi. Non funziona così, chi è beneficiario del voucher di 50 euro, deve fare spesa per 50 euro. Abbiamo inoltre ottenuto 76 mila euro dalla Regione che vorremmo utilizzare per comprare farmaci a quelle persone che sono disagiate”. 
Il sindaco ha annunciato che intende emettere un’ordinanza, così come ha fatto la Regione Lombardia, che obbliga tutti i cittadini che escono di casa ad indossare la mascherina protettiva. “Se avremo la possibilità di avere 20mila paia di guanti – continua Tidei – obbligheremo i cittadini ad indossare pure quelli visto che li otterranno gratuitamente. Oggi il mio pensiero va a quelle famiglie che hanno perso il lavoro e a quelle già in disagio economico prima della pandemia. A loro, oltre al buono spesa e ai pacchi alimentari, credo che interessi di più cercare di riprendere il loro lavoro. Santa Marinella è una città che vive sul turismo e sul commercio, dunque incontrerà l’assessore regionale per fare un bando dove siano rispettate le regole per aprire gli stabilimenti balneari. Chi non avrà le carte in regola rischia di non aprire, quindi accatastate i vostri stabilimenti perché siamo decisi a fare interventi su queste strutture, possibilmente da maggio”. 
Il sindaco sottolinea che solo facendo ripartire le attività commerciali è possibile far ripartire l’economia. “Il virus ha creato 195 milioni di disoccupati – conclude il primo cittadino – e questo crea disagio sociale. Il disagio porta a forme di cattiveria e disperazione fino ad arrivare alla disobbedienza civile. Dobbiamo aiutare queste persone”. Il sindaco conclude la conferenza facendo un appello alla cittadinanza. “A Santa Marinella ci sono 24 persone positive e 72 in quartantena, questa gente deve restare in casa, così come tutti gli altri cittadini, perché rischia di infettare altre persone e per questo abbiamo attivato una task force che controllerà giornalmente che questa gente resti in casa e non diventi un pericolo per gli altri”.
 


Condividi
ULTIME NEWS