Pubblicato il

Al Forte Michelangelo la festa per Marco Brusco

L’ammiraglio civitavecchiese è il nuovo comandante generale del Corpo delle Capitanerie di Porto. Tante le autorità presenti alla cerimonia, tra cui il ministro Matteoli 

L’ammiraglio civitavecchiese è il nuovo comandante generale del Corpo delle Capitanerie di Porto. Tante le autorità presenti alla cerimonia, tra cui il ministro Matteoli 

CIVITAVECCHIA – Commozione ed entusiasmo, soddisfazione per l’attività svolta e fiducia nel futuro, entusiasmo ed orgoglio. Tanti i sentimenti che si sono intrecciati nel pomeriggio al Forte Michelangelo, nel corso dell’intensa cerimonia di passaggio di consegne fra l’ammiraglio Ferdinando Lolli e l’ammiraglio Marco Brusco, nuovo comandante generale del Corpo delle Capitanerie di porto Guardia costiera. Una cerimonia nel corso della quale Civitavecchia ha vestito un ruolo da protagonista. Non solo perchè è stata teatro della manifestazione, ma sorpattutto perché il nuovo comandante generale, ammiraglio marco Brusco, a Civitavecchia è nato e alla città è ancora molto legato, avendo qui la famiglia e gli amici. Gli stessi che, al di là del rigido CAPITANERIAprotocollo, si sono presentati per complimentarsi con l’amico, insignito dell’importante incarico. A partecipare alla cerimonia molte autorità, dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli al sottosegretario alla Protezione Civile Guido Bertolaso, dal vice presidente della Camera Rocco Buttiglione al Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Vincenzo Camporini, quello della Marina Ammiraglio Bruno Branciforte, fino al sindaco Gianni Moscherini, il presidente dell’Autorità Portuale Fabio Ciani, il parlamentare del Pd Pietro Tidei. Commosso il discorso di commiato dell’ammiraglio Lolli, che lascia il Corpo dopo 40 anni di servizio. «A Civitavecchia la Capitaneria di Porto è a proprio agio – ha spiegato – qui si incontrano storia e modernità. Svolgere qui, al Forte Michelangelo, questa importante cerimonia risulta ancora più significativo». La parola è passata poi al nuovo comandante generale, entusiasta «che propria CAPITANERIACivitavecchia è testimone di questo particolare evento». Consapevole dell’impegno che dovrà mettere in campo, soprattutto in un momento di crisi finanziaria come quello attuale, l’ammiraglio Brusco si è rivolto ai suoi uomini e alle sue donne, chiedendo loro di «lavorare con la massima disponibilità – ha aggiunto – il giusto equilibrio, la spiccata professionalità, per un Corpo che sia efficiente ed efficace». Ad entrambi i ringraziamenti proprio del ministro Matteoli, che ha ricordato come la Capitaneria di Porto rappresenti «un sicuro punto di sintesi per i dicasteri per i quali opera e – ha aggiunto – un importante punto di riferimento per i cittadini». Se dell’ammiraglio Brusco ha sottolineato poi l’esperienza e l’indiscussa capacità e competenza, il ministro Mattteoli ha auspicato anche che «la professionalità dell’ammiraglio Lolli possa continuare ad essere messa a servizio dell’amministrazione». Chissà che non sia una sorta di investitura per il futuro commissario dell’Autorità Portuale incarico per il quale, come si vocifera da più parti, l’ormai ex comandante generale delle Capitanerie di Porto sarebbe in pole position qualora il Ministro decidesse di procedere.

ULTIME NEWS