Pubblicato il

Alfano Bonaventura stroncato da infarto: indaga la Polizia 

TARQUINIA – È morto stamane poco dopo le 9, presso l’ospedale di Tarquinia, Alfano Bonaventura, il 38enne di Monte Romano conosciutissimo a Civitavecchia per le sue attività in porto e in città. L’imprenditore aveva, fra l’altro, in appalto la gestione della mensa Enel, era titolare del punto ristoro denominato Il Saraceno situato all’interno dello scalo e si occupava anche di provviste di bordo con l’azienda di famiglia, la Mediterranea. Stamane Bonaventura, accompagnato dal padre Giacomo, è giunto al pronto soccorso del nosocomio tarquiniese in fin di vita. Pochi minuti dopo, nonostante il tentativo dei medici di rianimarlo, è deceduto. I sintomi segnalati sono riconducibili a quelli di un infarto, ma la procura della Repubblica di Civitavecchia ha aperto un’inchiesta. Le indagini – affidate alla polizia di Tarquinia, diretta dal vicequestore aggiunto Riccardo Bartoli  -, sono scattate immediatamente. Perquisizioni sono state effettuate sia nella villa di Bonaventura alle porte di Monte Romano (nella foto)POLIZIA, sia a Civitavecchia, in vari appartamenti e luoghi di lavoro. Gli inquirenti starebbero cercando di appurare se l’attacco cardiaco possa essere correlato all’assunzione di sostanze stupefacenti, ad esempio cocaina. Al vaglio della polizia anche la ricostruzione delle ore immediatamente antecedenti la morte. Secondo quanto si è potuto apprendere, il giovane imprenditore – separato da tre anni, con un figlio di 11 e residente nella villa di Monte Romano insieme ai genitori -, avrebbe trascorso la serata di lunedì a Roma, salvo poi rientrare ed accusare diversi malesseri. Dopo una notte insonne, afflitto dal dolore, Alfano Bonaventura è stato accompagnato dal padre al pronto soccorso della cittadina etrusca. Ma per il 38enne non c’è stato nulla da fare. Sarà l’autopsia, disposta dal magistrato, Pantaleo Polifemo, della procura di Civitavecchia, a stabilire con esattezza le cause del decesso. Intanto sono ancora in corso controlli e perquisizioni della polizia in vari luoghi della città portuale (SEGUE…)

ULTIME NEWS