Pubblicato il

Allievi regionali: boccone amaro per il Corneto

TARQUINIA – Scivolone interno per gli allievi regionali del Corneto Tarquinia di mister Gufi che domenica mattina hanno ceduto per 2-0 agli ospiti del G.Castello, confermando il tabù interno che da qualche giornata affligge la compagine etrusca tra le mura amiche del Bonelli.
La partita è stata un po’ spenta e nessuna delle due formazioni sembrava prevalere sull’altra. «Il primo tempo è stato equilibrato e si è giocato prevalentemente a centrocampo e le uniche occasioni create da ambo le parti sono state frutto di imprecisioni difensive – ha spiegato critico il ‘‘tenente d’acciaio’’, mister Gufi – Rosati non ha approfittato di un bel traversone di De Caro arrivando in ritardo; poi Martelli in seguito ha calciato da buona posizione ma il portiere attento ha respinto di piede”.
La ripresa è stata più vivace e gli ospiti hanno approfittato in velocità con due contropiedi per andare in vantaggio e poi a 5 minuti dalla fine di raddoppiare. «Tra i due gol tanta buona volontà da parte dei miei ragazzi – ha concluso il tecnico etrusco – ma poche sono state le occasioni per impensiere gli avversari se non con una girata al volo di Rosati di poco fuori. Nemmeno i cambi hanno dato la scossa voluta e così la partita si è chiusa sul definito 2-0 per gli ospiti». Da segnalare che comunque il G. Castello è la terza forza del girone A del campionato regionale della categoria allievi ed è in sostanza la formazione che guida il gruppetto che insegue le due battistrada Aurelio e Montespaccato con 39 punti nel carniere. Con questo stop casalingo il Corneto resta invece al settimo posto con 29 punti all’attivo.
In campo sono scesi: Cassese, Giamundo, Barucca, Lodi (Marcucci), Sistoni, Arcorace, De Caro (Ventolini), Forieri, Rosati, Sabbatini, Martelli (Campanini). A disposizione sono invece rimasti: Biagioni e Ciurluini.
Nello stesso girone dell’undici tarquinese da segnalare che il Montalto resta in fondo alla classifica con tre punti nel carniere dopo il 3-0 subito sul campo dell’Aurelia.
Rom. Mos.

ULTIME NEWS