Pubblicato il

Ancora ricercato il naufrago di Ladispoli

LADISPOLI – Sono entrambi di Ladispoli i due giovani travolti ieri da un’onda gigante mentre provavano il nuovo motoscafo. Una imbarcazione di circa 5 metri, che non ha retto il moto ondoso del mare. Uno dei due, 33enne di Ladispoli è stato ripescato in mare dopo circa un’ora. L’amico, Manuel C. di 30 anni, romano ma residente nella città balneare, invece è ancora ricercato. L’incidente si è verificato a largo del mare di Ostia, dove da ieri sono in atto le ricerche del disperso. I due ragazzi erano partiti dal canale dei pescatori di Ostia, dove era ormeggiato il motoscafo, ma una volta al largo, ai due marinai si sono presentate alcune difficoltà dovute al mare mosso. Il motore è andato in avaria e un’onda ha piegato il motoscafo su un lato, sbalzando in acqua i due passeggeri, rimasti in mare mentre l’imbarcazione, tornata dritta, veniva trasportata dalle onde in mare aperto. A dare l’allarme ieri intorno alle 13,20 circa è stata un’imbarcazione a vela del gruppo sportivo della polizia in navigazione davanti Ostia. Le persone a bordo, infatti, hanno notato e recuperato il 33enne che ha raccontato di essere stato sbalzato da un motoscafo a motore che stava collaudando insieme all’amico, a causa di un’onda di grosse dimensioni. Inutile il tentativo di tirare a bordo il 30enne che in pochi secondi è stato sbalzato via dalle correnti. Subito al lavoro i vigili del fuoco, con un elicottero ed i sommozzatori, e la Capitaneria di Porto di Roma con 3 mezzi, 2 motovedette classe 800 e una motovedetta d’altura. Nel tardo pomeriggio di ieri sono stati recuperati in mare una scarpa, la destra, e degli indumenti che il naufrago ha riconosciuto appartenere all’amico disperso. Ma di lui ancora nessuna traccia. Le ricerche della Capitaneria ieri sera sono proseguite anche con l’oscurità con una motovedetta dotata di visori notturni e proiettori a lunga gittata. Stamane sono riprese.

ULTIME NEWS