Pubblicato il

Bagno di folla per la presentazione del libro Tolfa, un viaggio nella storia

L'evento si è svolto nella chiesa della Sughera alla presenza del sindaco Battilocchio, delle autorità tolfetane e dei due deputati Tidei e Baccini

L'evento si è svolto nella chiesa della Sughera alla presenza del sindaco Battilocchio, delle autorità tolfetane e dei due deputati Tidei e Baccini

di ROMINA MOSCONI

 

TOLFA – La chiesa della Sughera gremita ha fatto da cornice alla presentazione del libro: ‘‘Tolfa: un viaggio nella storia, cultura e spiritualità del santuario della Rocca’’ scritto e curato dal parroco di Tolfa, don Giovanni Demeterca.“Questo libro racconta l’impegno forte di tutto un paese per non far morire un’opera così importante come il santuario – ha spiegato don Giovanni – è da ammirare l’amore dei tolfetani per la Madonna della rocca. Ho desiderato scrivere questo libro per colmare il vuoto di notizie che persiste su questo splendido santuario e allo stesso tempo dimostrare ciò che è stato fatto finora con il contributo di tutti i tolfetani per rendere migliore il santuario”. Don Giovanni per quest’opera si è avvalso della collaborazione di don Augusto Baldini che ha scritto la parte storica. Il libro è suddiviso in 3 parte: nella prima parte don Giovanni racconta la situazione del restauro che sta interessando il santuario della Rocca; nella seconda parte don augusto invece traccia la storia del santuario e della sacra effige della ‘‘Madonna della Pietà’’. Una terza parte poi raccoglie invece una serie di testimonianze (fra le quali quella del sindaco Alessandro Battilocchio e della Dirigente Scolastica Laura “Questo testo vuole offrire, attraverso un itinerario di ricerca e riflessione, un piccolo compendio sulla storia, cultura, arte e spiritualità del Santuario in occasione dell’inaugurazione del suo restauro. Mediatrice e presentatrice della manifestazione (nonché autrice delle due pagine di presentazione del libro) Assunta Virgili (docente presso la scuola primaria di Tolfa); la Virgili nel suo intervneto ha sottolineato che: “Questo testo vuole offrire, attraverso un itinerario di ricerca e riflessione, un piccolo compendio sulla storia, cultura, arte e spiritualità del Santuario in occasione dell’inaugurazione del suo restauro. Il ibro passa in rassegna il significato artistico-religioso e il panorama storico della chiesetta, memoria vivente della nostra comunità e traccia di identità da riscorprire. E’ su questo doppio binario che si articolano gli interventi che ci sono sul testo”. Ad alternarsi al microfono, oltre agli autori don Giovanni e don Augusto e all’editore Franco Amadio, sono stati il deputato del territorio Pietro Tidei e l’onorevole Baccini, il sindaco di Tolfa, Alessandro Battilocchio e la preside Laura Piroli. Nella folta platea tutti gli assessori e i consiglieri di maggioranza e di opposizione del consiglio comunale nonché i due candidati sindaci. Il libro di don Giovanni, scorrevole, ricco di foto e di notizie inedite e interessanti, ha quindi colmato un vuoto di notizie in tema di santuario della Rocca e permette a chi legge di innamorarsi di Tolfa e di quello che è il simbolo per eccellenza del paese collinare. L’onorevole Pietro Tidei oltre a promettere il suo contributo e il suo impegno a cercare fondi in Provincia, ha lanciato un importante appello a tutti affinchè ognuno nel suo piccolo sostenga offra il proprio contributo per il restyling completo del santuario. Piacevolmente colpito dal libro l’onorevole Baccini che ha sottolineato l’importanza del testo che “promuove la cultura del bello, del cristianesimo e che racconta i sacrifici di tutti i tolfetani che finora hanno contribuito a sistemare il santuario”. Anche Baccini come Tidei ha poi promesso il suo aiuto per cercare fondi. Il sindaco Battilocchio dopo aver sottolineato la sua gioia nel vedere Tolfa sempre più bella e al termine della presentazione il comune ha sorpreso la cittadinanza con il nuovo impianto di illuminazione della Rocca. Battilocchio ha poi sottolineato l’urgenza di intervenire per il restyling del castello che versa in cattive condizioni. La preside Piroli, dopo aver ricordato la bella sinergia fra al scuola e la parrocchia, ha poi posto l’accento sulla tofetanità che viene portata avanti e che la Rocca è proprio il simbolo del paese. Don Augusto ha invece ricordato alcune notizie storiche sconosciute a tutti. La serata si è poi conclusa con un buffet organizzato dalle signore della parrocchia.

ULTIME NEWS