Pubblicato il

Balloni al Sindaco: "Così non può continuare"

Il consigliere del Polo Civico striglia il primo cittadino e sottolinea i problemi delle "larghe intese"

Il consigliere del Polo Civico striglia il primo cittadino e sottolinea i problemi delle "larghe intese"

BALLONICIVITAVECCHIA – «Così non si può proprio continuare». Alvaro Balloni scrive al sindaco Moscherini per sottolineare alcune incongruenze legate all’attività amministrativa della coalizione di governo. Una lettera che sa di ultimatum: «L’amministrazione delle larghe intese – si legge – sviluppa solo in determinati casi un’azione collegiale tale da connotare di ciò le proprie realizzazioni. tutto il resto rispecchia una logica che è frutto del pensiero e delle esigenze di pochi e come tale può essere anche accettata ma non necessariamente condivisa». Il leader del Polo civico parla poi dei progetti della grande coalizione, evidenziando come solo alcuni di questi siano sottoposti «ad un lungo e laborioso percorso, caratterizzato da battute d’arresto che di fatto fanno dubitare – spiega il consigliere comunale e provinciale – circa l’intenzione di questa amministrazione di dar loro effettivo seguito». E fa alcuni esempi, come la Bretella A12- Porto, la cui realizzazione a quanto pare sarebbe in stand-by, il parcheggio multipiano )da realizzare nell’area Fs) per il quale la Provincia di Roma avrebbe già stanziato i fondi senza incassare alcun riscontro da parte del Comune circa la volontà di realizzare la struttura e il progetto Farmer Market, la cui delibera sarebbe stata ritirata per approfondimenti. Tutti progetti caldeggiati dal Polo Civico, quelli osteggiati dalla maggioranza al cui volere puntualmente Moscherini si inchina. «Caro Sindaco – prosegue Balloni nella sua lettera – avrei altro da aggiungere ma preferisco fermarmi qui ed attendere, se ci sarà, l’inversione di rotta da me così intensamente auspicata. In caso contrario – conclude – sentito il movimento del Polo civico, mi vedrò costretto ad anteporre l’autonomia di giudizio e di azione alla logica di un lavoro di gruppo, di fatto lacunoso o incoerente».

ULTIME NEWS