Pubblicato il

Battilocchio ribadisce la contrarietà alla discarica

ALLUMIERE. Dopo l’intervento dell’onorevole Tidei anche il Sindaco collinare ha scritto alla Polverini La missiva indirizzata anche a molti sindaci invitati a partecipare ad un comitato istituzionale «qualora non siano rispettate le decisioni della popolazione». Il primo cittadino dice basta alle logiche di potere che piovono dall’alto

ALLUMIERE. Dopo l’intervento dell’onorevole Tidei anche il Sindaco collinare ha scritto alla Polverini La missiva indirizzata anche a molti sindaci invitati a partecipare ad un comitato istituzionale «qualora non siano rispettate le decisioni della popolazione». Il primo cittadino dice basta alle logiche di potere che piovono dall’alto

ALLUMIERE – Dopo Tidei anche Augusto Battilocchio. Il sindaco di Allumiere ha scritto una lunga lettera al presidente della Regione Lazio Renata Polverini e al sindaco di Roma Gianni Alemanno, nonché ai sindaci dei comuni limitrofi per chiedere chiarezza sul piano regionale rifiuti. «Si apprende dalla stampa e dalle TV nazionali – scrive nella missiva Augusto Battilocchio – che la Giunta da Lei guidata sta varando il Piano regionale dei Rifiuti, che sarà approvato probabilmente entro la fine del mese di novembre e che prevede, tra le varie novità, la presenza di una discarica interprovinciale fuori del Comune di Roma. Il Comune di Allumiere, così come più volte espresso e come deliberato dal Consiglio comunale con atto n. 2 del 6.3.2009, ribadisce la propria contrarietà ad ogni eventuale ipotesi di realizzazione sul proprio territorio di un sito per la creazione di una discarica così come manifesta la totale ed assoluta contrarietà all’utilizzo del cdr presso la Centrale di Torre Valdaliga Nord». «Il 10 settembre ho avuto la possibilità di poterLa incontrare per esporre il chiaro e netto rifiuto da parte della cittadinanza in merito all’ipotesi paventata – ricorda il primo cittadino collinare – e, in quella sede, si è assicurata la disponibilità da parte Sua ad un coinvolgimento nelle fasi del Piano con il preciso intento di escludere il territorio di Allumiere da eventuali siti. Non avendo avuto la possibilità, ad oggi, di poter ulteriormente esprimere le motivazioni di contrarietà ad una scelta scellerata voglio sottolineare che il nostro è un territorio classificato come Zona a Protezione Speciale (ZPS) per preservare gli uccelli selvatici migratori in un ambiente idoneo; è riconosciuto come Sito di interesse Comunitario (SIC) per la conservazione della flora e della fauna e che si è mantenuto integro grazie al rispetto della popolazione locale. Al contrario, in termini di servitù, il Comune di Allumiere per anni è stato gravato da servitù militare (Ex Base Nato), è vittima di tutto l’inquinamento prodotto dalla Centrale a Carbone di T.V.N. e dei fumi delle centrali di Tirreno Power, del peggioramento della qualità dell’aria causata dal traffico commerciale e croceristico del Porto di Civitavecchia». «I cittadini di Allumiere e dell’intero comprensorio hanno già ampiamente dato in termini di salute e di vivibilità in un comprensorio vessato da logiche di potere che piovono dall’alto e non tengono in debito conto le richieste e le aspettative dei cittadini – ribadisce Battilocchio – È a nome della cittadinanza amministrata che ribadisco la totale contrarietà ad ogni eventuale ipotesi di realizzazione di una discarica così come la totale ed assoluta contrarietà all’utilizzo del Cdr presso la Centrale di Torre Valdaliga Nord. Sollecito tutte le forze politiche e le istituzioni a sostenere questa posizione, adottando atti amministrativi idonei e raccogliendo la proposta per la partecipazione al Comitato istituzionale che nascerà qualora non siano rispettate le decisioni della popolazione».

ULTIME NEWS