Pubblicato il

Bianchi: «No all’inceneritore»

S. MARINELLA – Si schiera contro l’ipotesi dell’inceneritore di rifiuti dentro la centrale Enel, il consigliere del Pd Andrea Bianchi. L’unico a prendere posizione nella Perla, Bianchi dice di aver segnalato da mesi la situazione che «ora va presa di petto perché le chiacchiere che circolano, ora diventano realtà». «Bruciare la ‘‘mondezza’’ di Roma qui è scorretto, sono mesi che lo dico, dobbiamo preparare una mozione urgente in consiglio. C’è un chiaro collegamento con l’idea di realizzare la discarica ad Allumiere e chi non vuole capirlo è consenziente. In Comune da tempo vogliamo una mozione forte, chiediamo al sindaco di esprimersi. Dopo le dichiarazioni ufficiali del ministro per l’Ambiente Prestigiacomo, il Pdl nazionale ha ormai fatto chiaramente sapere le sue intenzioni: bruciare i rifiuti di Roma a Civitavecchia. Per quanto riguarda Santa Marinella, chiediamo esplicitamente al Sindaco e a tutta giunta una presa di posizione sulle parole del ministro». «Visto che dovrebbero conoscere bene le intenzioni della loro stessa parte politica – incalza Bianchi – chiediamo di scioglierci un dubbio: o il ministro dell’Ambiente ignora le nozioni elementari a livello di difesa ambientale, oppure consapevolmente disprezza e intende ignorare le preoccupazioni sulla salute e sull’economia agricola di un territorio che da 40 anni sopporta, e paga con un pesante tributo di malattie, l’inquinamento delle centrali termoelettriche e del porto. Ma forse proprio questo è il punto: poichè l’ambiente è compromesso e la servitù a Enel ben consolidata, perché andare a bastonare altri territori?» «Ora – conclude il consigliere del Pd – ci attendiamo da parte del sindaco considerazioni ufficiali e gesti concreti anche su questa novità delle dichiarazione del ministro».

ULTIME NEWS