Pubblicato il

Bilanci, deposito al ritorno dalle vacanze

Giallo sull’assemblea di lunedì scorso: ora spunta l’approvazione dei conti di Etruria Servizi ed Etm. Ma al di là delle decisioni del socio, l’iter potrà essere perfezionato solo a settembre al rientro dell’amministratore Lombardi. E la sostanza non cambia. L’opposizione rincara la dose: «Situazione grottesca ed allarmante. Fuorilegge l’aumento della Tia»

Giallo sull’assemblea di lunedì scorso: ora spunta l’approvazione dei conti di Etruria Servizi ed Etm. Ma al di là delle decisioni del socio, l’iter potrà essere perfezionato solo a settembre al rientro dell’amministratore Lombardi. E la sostanza non cambia. L’opposizione rincara la dose: «Situazione grottesca ed allarmante. Fuorilegge l’aumento della Tia»

CIVITAVECCHIA – Dopo le critiche del Pd, stavolta è tutta l’opposizione ad attaccare l’amministrazione comunale sul fronte delle capacità manageriali e gestionali, con particolare riferimento all’azione del supermanager Lombardi in Etruria Servizi ed Etm. «Con l’attuale giunta di centrodestra – si legge in una nota a firma di tutti i consiglieri di opposizione – la capacità gestionale del Comune è divenuta grottesca e, a dir poco, approssimativa. Il Sindaco, in qualità di azionista unico in seno ad Etruria Servizi e ad ETM, si fa rappresentare dallo sponsorizzatissimo (nonché carissimo) supermanager Lombardi e questo che fa? Intuisce che più o meno Etruria se la passa male e, con un colpo da maestro, con occhio esperto, decide di aumentare a più riprese la tariffa dei rifiuti (mediamente del 35% nel solo 2008, fatturando 2,2 milioni in più che vanno ben oltre il pareggio di bilancio). In tal modo però, così come capita a qualsiasi cittadino, l’utile viene tassato dallo stato e dunque la società, che è tutta dei civitavecchiesi, pagherà circa 700.000 euro di imposte. Dunque i soldi della tariffa pagati in eccesso non resteranno nelle casse di Etruria ma saranno versati all’erario per la gioia di Tremonti». L’opposizione entra poi nel merito dell’aumento della tariffa: «Come giustamente hanno fatto notare i revisori dei conti, così facendo il Comune si pone al di fuori della legge contravvenendo ai dettami del decreto Ronchi. Quando l’utile deriva dall’aumento della tariffa, – ed in questo caso tra l’altro è servito anche a coprire le altre perdite dei servizi affidati dal Comune – la legge è chiara: la T.I.A. deve essere calibrata per coprire i costi del servizio, che deve essere in equilibrio. Una condizione che, incredibilmente, non è stata rispettata».
Poi si passa all’esame della società del trasporto pubblico locale: «Con ETM – prosegue la nota dell’opposizione – invece, ci si doveva conformare alla volontà del Sindaco che sostiene che i servizi commerciali andavano dismessi perché inficiavano l’utile di impresa generato dal trasporto pubblico. Ecco perché il bilancio della municipalizzata dei trasporti chiuderà con 661.000 euro di perdita per l’anno appena trascorso».
Al di là delle considerazioni politiche, rimane il giallo formale sui bilanci: pare, infatti, che lunedì sera alla fine l’approvazione ci sia stata (anche se nessuno ha mai smentito il nostro articolo dell’altro giorno). Del deposito dei bilanci, comunque, se ne riparlerà a settembre: visto che l’amministratore unico delle due aziende, Lombardi, ha comunicato che sarà in vacanza per un mese.

ULTIME NEWS