Pubblicato il

Book & wine: oltre 300 persone alla presentazione del libro di Alessio Colotti

TARQUINIA – Book & Wine, si conferma un successo. Oltre trecento persone hanno riempito la Torre di Dante, per la presentazione del libro scritto da Alessio Colotti intitolato “Da solo nella luce, Riccardo Colotti e la poesia a braccio in ottava rima a Tarquinia, e nella Maremma laziale nel ‘900”. Una formula vincente che unisce il libro alla degustazione di vini e che incontra il favore del pubblico, peraltro in un luogo suggestivo che da anni non veniva reso fruibile ai cittadini. Alberto Blasi, a nome dell’Università Agraria, ha sottolineato come sostenendo simili iniziative l’Ente rende omaggio al mondo rurale, a tradizioni che Tarquinia stava di fatto dimenticando, e che ora fanno parte del patrimonio culturale della Città. Gradito saluto quello portato dal Prof. Vasco Palombini, Presidente di Arte e Storia, che ha ricordato tempi vissuti in cui giovani tarquiniesi ascoltavano rapiti i cantori di cultura popolare. Alessio Colotti ha poi iniziato il suo viaggio nel libro. Una storia appassionata ed avvincente, la vita di Riccardo Colotti. Un percorso fatto di sentimento, leggenda e tradizione, tra luoghi dimenticati e memoria sbiadita. Una letteratura fatta dai semplici e studiata dai dotti che oggi sta recuperando un ruolo centrale nel panorama letterario.
Ad allietare la serata le note della Sbanda del Bosio, con i loro canti popolari, mentre intenso l’Intervento del Prof. Portelli, che tra aneddoti e accademia ha incantato il pubblico con la sua dialettica semplice ed efficace. Al termine la degustazione. Come la poesia a braccio si è evoluta divenendo arte così i vini delle osterie sono oggi gemme preziose e le cantine da cui provengono sono ormai realtà a livello nazionale. Proposti il Corithus della Tenuta S. Isidoro, il Giuncaio dell’azienda vitivinicola Cerenini, e il Santa Maria Bianco delle Terre Giorgini.
“L’Università Agraria – commenta il Presidente Alessandro Antonelli – con Book & Wine sta raccogliendo successi di pubblico inattesi coniugando cultura e gusto. Una formula che guarderà spesso ai vini della nostra Città. Il vino come veicolo per avvicinare alla lettura, la cultura come consapevolezza dei sapori questa la base di un evento che con costi modici incontra un pubblico sempre più numeroso”.

ULTIME NEWS