Pubblicato il

Borgo San Martino: al via il restauro della chiesa, ma i soldi non bastano

CERVETERI – Borgo San Martino di Cerveteri, al via il restauro del complesso parrocchiale della frazione Cerite chiuso ai fedeli da oltre due anni, ma i fondi disponibili non sono sufficienti per completare i lavori. La bella chiesa di San Martino, struttura di tipo basilicale con navata centrale più alta con soffitto ligneo a capriate e due navate laterali più basse coperte con tetto ligneo inclinato è realizzata in tufo ed in stato di inagibilità a causa del tetto pericolante e del pavimento in cotto sprofondato in più punti. All’interno della chiesa sono custodite n° 16 opere d’arte contemporanea dello scultore Alfio Castelli e, precisamente: n°14 stazioni di via Crucis, n° 1 statua di San Martino Vescovo e n°1 statuina di San Giovanni Battista che sovrasta il Fonte Battesimale. Le opere , tutte in bronzo, oltre ad essere inedite sono ritenute di notevole valore artistico e nel 2009 sono state inserite tra le opere da visitare in occasione delle giornate Europee del Patrimonio GEP. La Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Provincie di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo, il 14/09/2009 prot. 14269 , con decreto emanato a dicembre 2009 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici Del Lazio ha riconosciuto l’intero complesso bene architettonico e storico artistico da tutelare anche in considerazione del suo inserimento nel contesto del borgo e del suo territorio. Il Comitato di zona di borgo San Martino nei mesi scorsi aveva inviato una raccolta di firme alle Istituzioni Religiose e Politiche facendosi portavoce presso la Regione Lazio dove la stessa parrocchia ha inoltrato richiesta di contributo, della situazione di disagio dell’intera comunità parrocchiale costretta a migrare altrove per le cerimonie e funzioni religiose. Ora, dopo la conferma da parte della Cei (Conferenza Episcopale Italiana) di un contributo di 300.000,00 Euro e di un ulteriore somma messa a disposizione dalla Diocesi di Porto e S. Rufina, per un importo di 200.000,00 euro saranno avviati i primi lavori di consolidamento e il rifacimento del tetto della chiesa. Al fine di raggiungere la somma necessaria per il completamento dei lavori, il cui preventivo è di 988.935,00 euro, il parroco Don Silvio Paolini coadiuvato dalle associazioni locali e dal Comitato per gli affari economici della parrocchia ha stilato una lettera indirizzata a tutti quelli di buona volontà che volessero contribuire con una propria donazione al raggiungimento dell’obbiettivo. L’Assessore regionale alle Infrastrutture On. Luca Malcotti, intanto, con lettera indirizzata al presidente del Comitato di zona Luigino Bucchi, informa che la richiesta di contributo indirizzata alla Regione Lazio sarà presa in esame nei prossimi giorni. Sempre Malcotti, tramite il consigliere Provinciale On. Gabriele Lancianese, componente della sua segreteria fa sapere, inoltre, che l’erogazione di un contributo da parte della Regione Lazio sarà quantificato in soldi a fine giugno. L’ Allestimento del cantiere è previsto per fine luglio. Tutti coloro che desiderano dare un proprio contributo possono inviare la propria offerta tramite conto corrente postale intestato a: parrocchia San Martino conto corrente n° 79436770. Casuale: pro ristrutturazione chiesa.

ULTIME NEWS