Pubblicato il

Borse lavoro, è ancora polemica

S. MARINELLA. Il consorzio Solaris Lazio e la Cooperativa Casa Sociale Comune 2000 smentiscono la minoranza «La cifra stanziata è di 42mila euro e non 54mila e gli utenti inseriti sono stati selezionati in base alle capacità e ai precedenti elenchi e valutati dal coordinatore del progetto. Inesatti i compensi del coordinamento»

S. MARINELLA. Il consorzio Solaris Lazio e la Cooperativa Casa Sociale Comune 2000 smentiscono la minoranza «La cifra stanziata è di 42mila euro e non 54mila e gli utenti inseriti sono stati selezionati in base alle capacità e ai precedenti elenchi e valutati dal coordinatore del progetto. Inesatti i compensi del coordinamento»

S. MARINELLA. Il Consorzio Solaris Lazio e la Cooperativa Sociale Casa Comune 2000, intervengono sulla polemica relativa alle borse lavoro che da tre giorni tiene banco a Santa Marinella. La questione è emersa a seguito di una interrogazione della minoranza comunale, a firma Rocchi, Mucciola e Fronti. I due gruppi precisano alcuni aspetti emersi, giudicati inesatti. «La scorsa estate – spiegano in una nota – il Consorzio Solaris Lazio ha proposto all’assessorato ai Servizi sociali l’attivazione del progetto “Sportello del Cittadino a Santa Marinella”, finalizzato all’inserimento socio-lavorativo di soggetti svantaggiati ed al supporto amministrativo dell’attività dell’assessorato. In contemporanea, anche la cooperativa Sociale Casa Comune 2000 ha presentato al medesimo assessorato il progetto ‘‘Giardini puliti’’, anch’esso finalizzato all’inserimento socio-lavorativo di soggetti svantaggiati, oltre che alla manutenzione ordinaria di spazi del verde pubblico comunale. La validità dei progetti presentati e l’esperienza degli enti proponenti hanno convinto la giunta comunale a finanziare i due progetti in questione con D.G.C. n. 200 del 08/07/2010, garantendo una copertura pari a € 18.000,00 per lo Sportello del Cittadino ed € 14.000,00 per i Giardini Puliti. Nella medesima delibera è stato inoltre finanziato il progetto del Consorzio Valcomino “incriminato” per un importo pari a € 10.000,00. Da una semplice somma di queste tre cifre possiamo notare che il totale della somma stanziata è pari a € 42.000,00, e non € 54.000,00, come scritto , per progetti ‘‘promossi da soggetti del terzo settore in campo sociale’’. L’altra evidente inesattezza è data dall’affermazione circa la selezione arbitraria dell’utenza da inserire nei citati progetti. Tutti gli utenti inseriti dal Consorzio Solaris e dalla Cooperativa Casa Comune 2000 sono stati selezionati, in base alle capacità, dall’elenco delle precedenti borse lavoro, e sono stati successivamente valutati dal coordinatore del progetto prima di essere inseriti, con un compenso netto pari a € 420,00 ciascuno (oltre a tutte le assicurazioni previste dalla normativa vigente)». L’ultima inesattezza riguarda il coordinatore di una delle tre cooperative: «Si è detto che percepisce € 900,00 mensili, ritenendo questi compensi particolarmente esosi. In realtà, il coordinamento del Consorzio Solaris Lazio costa mensilmente € 500,00, e quello di Casa Comune 2000 costa invece € 300 euro».

ULTIME NEWS