Pubblicato il

Bucone, Mazzola boccia il parcheggio

Tarquinia. Il primo cittadino replica alla proposta avanzata dalla segreteria del partito dei comunisti italiani «È irrealizzabile, insostenibile economicamente e pericoloso dal punto di vista ambientale» L’area, dopo una riqualificazione per la quale sono stati stanziati 100mila euro, ospiterà manifestazioni all’aria aperta

Tarquinia. Il primo cittadino replica alla proposta avanzata dalla segreteria del partito dei comunisti italiani «È irrealizzabile, insostenibile economicamente e pericoloso dal punto di vista ambientale» L’area, dopo una riqualificazione per la quale sono stati stanziati 100mila euro, ospiterà manifestazioni all’aria aperta

TARQUINIA – L’idea di un pacheggio nell’area denominata ‘‘il Bucone’’ tramonta sul nascere. Il progetto proposto dal partito dei Comunisti italiani viene infatti sonoramente bocciato dal sindaco Mauro Mazzola. «Il progetto di un parcheggio presenta costi insostenibili – tuona il primo cittadino – è tecnicamente irrealizzabile ed è pericoloso dal punto di vista ambientale, in quanto la zona era in passato usata come discarica». La proposta del PdCI è quindi per l’amministrazione comunale «irricevibile, campata in aria e soltanto demagogica». «L’area verrà invece recuperata – spiega Mazzola – per ospitare attività e manifestazioni all’aria aperta. Il Comune ha stanziato per la riqualificazione 100mila euro. I lavori partiranno alla fine dell’estate e riguarderanno la ristrutturazione delle gradinate, del campetto sportivo, dei locali interni, dei marciapiedi e dei muretti; inoltre, sarà ripristinata la recinzione per evitare il ripetersi di atti vandalici». «Dunque se sprecare denaro pubblico vuol dire valorizzare le aree verdi e il centro storico della città – ironizza il sindaco – migliorare la viabilità e la vivibilità di quartieri importanti come il Peep, il PdCI ci dica allora come utilizzerebbe proficuamente i soldi dei cittadini. Per dare un contributo fattivo allo sviluppo della città di Tarquinia non basta però la fantasia». (Ale.Ro.)

ULTIME NEWS