Pubblicato il

Bucone: sgomberata l'area

Stamane blitz dei carabinieri  nella zona sportiva situata nel centro di Tarquinia, a ridosso della scuola media. Un gruppo di sudafricani aveva trasformato alcuni locali in un vero e proprio tugurio al limite della decenza

Stamane blitz dei carabinieri  nella zona sportiva situata nel centro di Tarquinia, a ridosso della scuola media. Un gruppo di sudafricani aveva trasformato alcuni locali in un vero e proprio tugurio al limite della decenza

TARQUINIATARQUINIA – Il cancello adesso è saldato: al Bucone nessuno entra più. I Carabineiri della stazione di Tarquinia, coordinati dal luogotenente Stefano Girelli, unitamente all’ufficio lavori pubblici del Comune, stamattina sono infatti intervenuti con un blitz nell’area sportiva denominata “Il Bucone”, un’area situata nel cuore della città, ma ormai da anni in stato di abbandono. Alcuni residenti da tempo lamentavano la scomoda e pericolosa presenza di alcuni extracomunitari. Gli stranieri, dopo aver divelto catene e lucchetti posti a chiusura dei cancelli, si sono infatti introdotti nei locali, originariamente adibiti a spogliatoi e servizi igienici, occupandoli stabilmente. Impressionante la scena che si è presentata agli occhi dei militari, che hanno immediatamente provveduto allo sgombero dei locali, all’interno dei quali avevano trovato rifugio alcuni giovani nord africani, muniti comunque di regolare permesso soggiorno ma che vivevano tra cumuli di sporcizia, stracci ed escrementi di ogni genere. Un vero e proprio tugurio, peraltro situato proprio a ridosso della scuola media. Sotto il controllo dei militari, gli stranieri hanno dunque provveduto a sgomberare dai rifiuti più ingombranti i locali illegalmente occupati, mentre il fabbro inviato dal Comune, ha provveduto a saldare definitivamente i cancelli d’ingresso. L’ufficio tecnico ha immediatamente provveduto a mettere in sicurezza anche dei cavi elettrici che fuoriuscivano da un palo dell’illuminazione pubblica del piccolo campo sportivo, ormai invaso da sterpaglie e per il quale il Comune è in attesa da tempo del via libera, da parte della Sovrintendenza ai beni culturali, per dar corso ai lavori di recupero di tutta l’area da restituire alla cittadinanza ed in particolare agli studenti. Continua pertanto il lavoro incessante deTARQUINIAi carabinieri di Tarquinia, volta a reprimere l’illecita occupazione di immobili pubblici e privati in stato di abbandono da parte di gruppi di stranieri sbandati, che giungono a Tarquinia con il miraggio di un lavoro e che spesso non riescono a trovare. L’augurio di molti cittadini è che con questo ennesimo blitz delle forze dell’ordine e la relativa bonifica dell’area, il Bucone possa diventare un luogo fruibile per la città e non più covo di stranieri o ragazzi che spesso utilizzano l’area nascosta per fare uso di droghe o altro.

ULTIME NEWS