Pubblicato il

Capparella: la difesa ricorre in Cassazione

CIVITAVECCHIA – E’ iniziato con l’annuncio di un ricorso in Cassazione l’incidente probatorio per la tragedia del 28 dicembre scorso, quando persero la vita quattro giovanissimi civitavecchiesi. Unico sopravvissuto il 19enne Yuri Capparella, ancora ricoverato in prognosi riservata all’ospedale San Filippo Neri di Roma. I suoi legali, gli avvocati Enrico Baldassari e Lorenzo Mereu, davanti al giudice Giovanni Giorgianni hanno avanzato la richiesta di accertamenti sullo stato di salute del ragazzo, per verificare se possa aver riacquisito o meno la capacità processuale. Richiesta negata, nonostante le ampie motivazioni fornite dai legali. In primis il fatto che, se venisse accertata la capacità giuridica di Capparella, il cui procuratore speciale attualmente è il padre, tutti gli atti svolti finora sarebbero nulli. Il giudice ha quindi fissato la prossima udienza al 26 marzo, quando verrà ascoltato il perito nominato ieri, il dott. Carmelo Funari, incaricato dal tribunale di svolgere analisi sui campioni di sangue prelevati. Anche su questo i due legali, che hanno nominato un proprio perito, la dottoressa Annunziata Lopez, hanno avanzato eccezioni, chiedendo chiarimenti sullo stato di conservazione, sulla custodia e le modalità di prelievo.

ULTIME NEWS