Pubblicato il

Ce.Si.Va., restaurati altri 50 volumi

Grazie all'impegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia

Grazie all'impegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia

CIVITAVECCHIA – Mancano poco meno di cento volumi per terminare il progetto “Biblioteca aperta: recupero volumi antichi di grande formato e particolare pregio” portato avanti al Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia. Dal 2004 ad oggi, infatti, l’ente di origine bancaria ha messo a disposizione 129 mila euro, consentendo il recupero completo di 364 libri custoditi nella ricca biblioteca del centro. L’obiettivo è arrivare a 435 volumi individuati negli anni tra quelli che necessitavano, più degli altri, di un qualificato e professionale inervento di recupero. E così è stato. Questa mattina la Fondazione Ca.Ri.Civ. ha riconsegnato altri cinquanta libri, nell’ambito dell’ultima tranche del programma pluriennale. «Siamo già pronti per il prossimo intervento – ha spiegato il presidente dell’ente Vincenzo Cacciaglia – questa collaborazione va avanti da oltre cinque anni, iniziata con il generale Casalotto e portata avanti con interesse dagli altri comandanti del Centro, in ultimo il generale Massimo De Maggio con cui stiamo andando avanti con la riqualificazione di un tesoro prezioso custodito nella nostra città. Anche attraverso questo progetto è stato possibile aprire questa ricca biblioteca al territorio, facendola conoscere soprattutto ai ragazzi». Un progettoFONDAZIONE, quindi, che non è fine a se stesso «ma che consente – ha aggiunto soddisfatto il generale De Maggio – di mettere a disposizione della città i nostri volumi. Dobbiamo ringraziare la Fondazione Cariciv il cui impegno è ancora più prezioso se si considera la difficile situazione economica attuale». Nel corso della cerimonia di consegna lo storico locale Odoardo Toti e la responsabile dell’area restauro della biblioteca nazionale di Roma Marina Battaglini hanno intrattenuto i presenti con due interessanti conferenze, prima della visita alla preziosa mostra di volumi dal titolo: ‘‘Armi e fortificazioni nell’Italia del Rinascimento’’.

ULTIME NEWS