Pubblicato il

Ciogli: "Non ci sarà rimpasto di giunta"

CERVETERI – «Abbiamo preso atto con stupore – ha proseguito Ciogli – che, nonostante fosse in programma una seduta decisiva per il futuro di Cerveteri, arrivata al bivio tra il rilancio di tutti i settori della vita pubblica, oppure il precipitare nel baratro dell’immobilismo commissariale, 4 esponenti del Pd hanno scelto di collocarsi fuori dalla maggioranza. Astenersi o votare contro la delibera, alla luce dei numeri in aula consiliare, è significato dichiararsi a favore dello scioglimento anticipato della legislatura».
Così il sindaco Gino Ciogli, nel commentare l’esito della seduta di consiglio comunale che ha visto l’approvazione degli equilibri di bilancio grazie al voto di 9 esponenti della maggioranza ed a quello di due consiglieri delle liste civiche facenti capo a Lamberto Ramazzotti, ha spiegato i nuovi scenari politici. «E dunque sui banchi dell’opposizione – ha detto – insieme ai consiglieri di centrodestra sono finiti anche loro. Ora, preso atto con amarezza delle scelte dei dissidenti, abbiamo il dovere di impegnarci per un’amministrazione forte, unita e decisa a lavorare per Cerveteri, senza palle al piede. Non ci sarà nessun rimpasto di giunta, né nuovi ingressi in maggioranza. Il voto delle liste civiche, gradito perché decisivo, quanto inaspettato perché non richiesto, lascia alle forze politiche uscite maggioranza dalle urne, la responsabilità intera del governo».

ULTIME NEWS