Pubblicato il

Civitavecchia avverte la scossa sismica

Molte persone sono state svegliate dal sonno a causa del terremoto che ha messo in ginocchio l’Abruzzo. Una coppia di medici locali residente a Teramo, testimone del dramma: «Noi siamo stati fortunati, abbiamo visto l’inferno». Protezione Civile e Vigili del Fuoco mobilitati per soccorrere le popolazioni colpite 

Molte persone sono state svegliate dal sonno a causa del terremoto che ha messo in ginocchio l’Abruzzo. Una coppia di medici locali residente a Teramo, testimone del dramma: «Noi siamo stati fortunati, abbiamo visto l’inferno». Protezione Civile e Vigili del Fuoco mobilitati per soccorrere le popolazioni colpite 

CIVITAVECCHIA – Civitavecchia vicina alle città abruzzesi colpite dal forte sisma. Subito dopo la devastante scossa di terremoto, avvertita anche a Civitavecchia nella notte scorsa, i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono partiti per prestare i primi soccorsi. A causa della forte emergenza, verso le dieci di questa mattina è partita alla volta dell’Aquila anche una intera colonna mobile del distaccamento di Civitavecchia, su disposizione del comando provinciale di Roma. Il Capo del distaccamento Pino Ibelli in un primo comunicato ha riferito: «Come sempre gli uomini della Bonifazi si sono precipitati in sede durante la notte, dando la piena disponibilità per essere inviati. Noi per prima cosa abbiamo raddoppiato i turni, per coprire tutto il territorio di competenza e garantire così il soccorso». Gli automezzi della colonna mobile del distaccamentosono tutti automezzi con attrezzature particolari, necessarie per le varie tipologie d’ intervento in caso di terremoti, alluvioni e incendi di grave entità. Nel pomeriggio di oggi è partito anche un mezzo carrellato più altre attrezzature speciali come dei cuscini sollevatori con aria a pressione, utili per il sollevamento dei solai. Il Comune di Civitavecchia ha partecipato alle operazioni di soccorso per l’Abruzzo, inviando un gruppo della Protezione Civile comunale. Gli uomini sono stati equipaggiati con tre automezzi, una torre faro, due tende pneumatiche da campo, un gruppo elettrogeno e tante altre attrezzature. La colonna mobile che partirà questa notte sarà integrata dalla Protezione Civile di Santa Marinella e dall’Associazione Radioamatori Italiani di Civitavecchia. I Sindaco Gianni Moscherini è vicino ai suoi sfortunati colleghi. Il comprensorio si è quindi mobilitato: da Santa Severa è partita un’ambulanza della Croce Rossa, mentre da Montalto di Castro è entrata in azione una squadra di otto volontari della Pro.Civ. Arci. che si occuperà del montaggio delle tende per accogliere gli sfollati del terremoto, insieme ad altri colleghi della provincia di Viterbo. Molti i gesti di generosità partiti spontaneamente, come quello della Sampei pesca che ha donato tredici sacchi a pelo. Toccante la testimonianza di una coppia di medici civitavecchiesi, Alessio Poggi e Annangela Perrone che vivono a Teramo, con lei che non ha potuto raggiungere l’ospedale dell’Aquila dove lavora, a causa del blocco delle strade: «L’altra notte abbiamo sentito la scossa ma abbiamo ripreso subito sonno. Il giorno dopo abbiamo visto l’inferno; noi siamo stati fortunati».

ULTIME NEWS