Pubblicato il

Civitavecchia-Orte, ad Italferr la progettazione

CIVITAVECCHIA – E’ stata affidata all’Associazione temporanea d’impresa (Ati) costituita da Italferr (Gruppo Fs) e Tecnic la progettazione preliminare e definitiva per la linea ferroviaria Civitavecchia – Orte. La commessa del valore di 907mila euro è stata assegnata dall’Agenzia Regionale per la Mobilità (Aremol) della Regione Lazio a conclusione di una gara internazionale che ha visto la partecipazione di importanti competitors, fra cui imprese francesi e spagnole. Le attività dell’Ati, che avranno inizio in questo mese, sono articolate in due fasi. La prima, della durata di 30 giorni, prevede lo studio tecnico/economico, la progettazione preliminare, la prefattibilità ambientale e la procedura per la verifica di Valutazione di impatto ambientale (VIA). La seconda, della durata di 120 giorni, prevede la progettazione definitiva e lo studio di impatto ambientale. La Regione Lazio, infatti, ha deliberato il ripristino della linea per la riapertura all’esercizio ferroviario ottenendo, per la progettazione, il cofinanziamento dell’Unione Europea, dell’Interporto di Orte e dell’Autorità Portuale di Civitavecchia. A dicembre 2007, l’UE ha inserito il collegamento ferroviario Civitavecchia – Capranica – Orte nel quadro generale di sviluppo delle Reti Transazionali Europee, considerate elemento fondamentale per la crescita economica dei Paesi dell’Unione. In particolare, è stata riconosciuta alla linea Civitavecchia – Orte un’importante funzione di connessione con il Corridoio 1, Berlino – Palermo, e di incentivo all’uso delle cosiddette “Autostrade del mare”, per il collegamento fra Tirreno e Adriatico attraverso il Porto di Civitavecchia (primo in Italia per navi da crociera e secondo nel Mediterraneo) e lo scalo di Falconara.

ULTIME NEWS