Pubblicato il

Come si fa un giornale: studenti in visita alla Seapress

Indimenticabile esperienza per gli alunni di S.Severa nord

Indimenticabile esperienza per gli alunni di S.Severa nord

SCUOLATOLFA – «Un’esperienza indimenticabile». E’ così che si sono espressi all’unanimità i 18 alunni della scuola primaria del plesso di Santa Severa nord dell’Istituto Comprensivo di Tolfa diretto dalla dirigente scolastica Laura Piroli al termine della mattinata speciale che hanno vissuto ieri. I 18 splendidi alunni della terza, quarta e quinta, accompagnati dalle loro docenti hanno infatti visitato estasiati la sede del gruppo editoriale Seapress, partecipando ad una simulazione di come viene realizzato il quotidiano la Provincia. Emozionante il successivo passaggio negli studi di Rete Oro: gli alunni si sono calati nei panni di conduttori televisivi, lanciando servizi e interviste del TgR, davanti all’obiettivo della telecamera che ha permesso la riproduzione delle immagini sul piccolo schermo. Poi hanno visitato le pagine telematiche di Civonline.it, apprendendo l’importanza della comunicazione sul web e infine hanno potuto vedere la parte radiofonica. Gli alunni hanno preso appunti e nei prossimi giorni continueranno a portare avanti il ‘‘‘progetto giornalismo’’ che li sta vedendo impegnati in questi mesi di scuola. «Siamo partiti dalla scoperta della scrittura per poi passare alle varie forme di grafia nei secoli fino ad arrivare alle lingue moderne. Dal discorso lingua si è passati al lavoro sul testo arrivando alla stesura dei giornali – ha spiegato l’insegnante di italiano della classe III e IV – dall’inizio dell’anno poi i bambini, durante la ricreazione, si stanno abituando a leggere i vari quotidiani locali e si stanno dilettando nella redazione di articoli di cronaca, sport e cultura. Contiamo entro fine anno di realizzare un giornalino scolastico interamente realizzato dagli alunni di III, IV e V». Dopo la visita alla redazione i bambini hanno visitato il porto dove hanno ammirato il Forte Michelangelo e il suo Maschio, la cappella e la grotta di Santa Fermina e il lungomare. (Rom. Mos.)

ULTIME NEWS