Pubblicato il

Concorso annullato, vigili verso lo stato di agitazione

VIGILICIVITAVECCHIA – Polizia municipale verso lo stato di agitazione. E’ quanto emerso nel corso dell’assemblea del personale che si è tenuta oggi presso i locali del comando di via Braccianese Claudia, dove gli operatori hanno rappresentato i numerosi mali di cui da un po’ di tempo soffre il corpo. I vigili urbani tuttavia si sono messi ancora una volta a disposizione del Sindaco e del comandante del reparto, ribadendo la loro intenzione di andare in contro alle esigenze dell’amministrazione comunale, che vorrebbe più uomini in servizio su strada. Nonostante il mancato processo di stabilizzazione e il licenziamento di numerosi agenti risalente allo scorso luglio, i vigili, rappresentati dal sindacato Sulpm, hanno confermato lo spirito di dedizione al servizio che li contraddistingue, pronti a limitare le attività amministrative per seguire il primo cittadino nella sua nuova avventura. Ovviamente la riorganizzazione dei turni comporterà una scopertura in quelle attività comunque indispensabili, svolte finora dietro le quinte. Lo stato di agitazione tuttavia non sarà legato alle nuove disposizioni locali in materia di Polizia municipale, ma alle dichiarazioni fatte durante l’ultimo incontro con la parte pubblica al Pincio lo scorso 4 marzo. Con l’occasione infatti l’amministrazione avrebbe comunicato alle parti sociali di voler annullare definitivamente il concorso per agenti di Polizia municipale, già sceso da 30 a 14 unità in vista del ricorso presentato dai precari rimasti fuori dal processo di stabilizzazione, disattendendo la proposta dello scorso settembre in materia di fabbisogno triennale. Al momento il reparto di via Braccianese Claudia conta 47 unità compreso il comandante: al di sotto del 70%. Ora si parla di esuberi, respingendo le 3.150 domande pervenute da tutta Italia per un concorso che a quanto pare non ci sarà.

ULTIME NEWS