Pubblicato il

Consulenze, Pd pronto a ricorrere alla Corte dei Conti

CIVITAVECCHIA – Il consigliere del Pd Marietta Tidei torna all’attacco del Pincio, questa volta riferendosi a due incarichi di consulenza che l’Ufficio di Gabinetto ha conferito alla dottoressa Nisita (Consulenza tecnica all’Ufficio Gare dell’Ente) e all’avvocato Vallebona (Consulenza tecnica in merito di Diritto Lavoro), annunciando la possibilità di ricorrere alla Corte di Conti. “Incarichi che – ha spiegato – presentano, a mio avviso, alcune anomalie, nonostante, apparentemente, siano  stati attribuiti seguendo correttamente l’iter previsto dalla vigente normativa e dal nostro Regolamento sull’Ordinamento degli uffici”. Secondo Tidei, infatti, nel conferimento degli incarichi è possibile fare ricorso all’esterno solo se all’interno dell’Ente non sono presenti le professionalità richieste. “Nel caso specifico – ha spiegato – all’interno del nostro Comune la dottoressa Michelli, Dirigente del Personale e la dottoressa Argento, responsabile dell’Ufficio Gare, ad esempio, hanno i requisiti previsti: uno esperto in materia di diritto del lavoro e l’altro esperto nella contrattualistica pubblica. Lo stesso si potrebbe dire per i quattro avvocati che compongono l’Ufficio Legale del Comune, gli avvocati Brullini, Occagna, Marino, Sbragaglia. La consulenza o la collaborazione, inoltre, devono avere un oggetto definito e non incerto. Nel caso degli incarichi in questione l’oggetto è genericamente e superficialmente individuato nella “consulenza tecnica giuridica in materia di diritto del lavoro” e nella “consulenza tecnica all’Ufficio Gare dell’Ente”. Infine la durata dell’incarico deve essere ragionevolmente predefinita in un arco temporale congruo alla stesura e redazione del parere, della relazione, dello studio. Credo pertanto che tali incarichi configurino una fattispecie potenzialmente censurabile da parte della Corte dei Conti, alla quale ci rivolgeremo. Mi sembra opportuno aggiungere, inoltre, che il Sindaco continua a gestire il Comune come una succursale dell’Autorità Portuale visto che entrambi i consulenti, guarda caso, hanno collaborato con lui ai tempi della sua Presidenza all’Autorità Portuale. Non vorrei che tali incarichi costituissero l’ulteriore tassello verso lo smantellamento degli uffici e la mortificazione delle professionalità interne al Comune. Spero, inoltre, che l’incarico ad una sua fedelissima da vecchia data all’Ufficio Gare non serva a rendere ancora più confuso, per usare un eufemismo, quello che sta avvenendo sulle gare d’appalto dell’Ente, dai Lavori Pubblici al Verde a tanto altro. La speranza, si sa, è sempre l’ultima a morire”.

ULTIME NEWS