Pubblicato il

Degrado e incuria: monta la polemica

S. MARINELLA. La minoranza punta il dito contro i ritardi della giunta Bacheca nella pulizia delle spiagge Ma i commercianti di Santa Severa difendono il Sindaco: «Queste provocazioni politiche contribuiscono solo ad allontanare i villeggianti. Quanto alle ‘‘Notti al castello’’, non siamo l’unico paese ad essere investito dalla crisi economico-finanziaria»

S. MARINELLA. La minoranza punta il dito contro i ritardi della giunta Bacheca nella pulizia delle spiagge Ma i commercianti di Santa Severa difendono il Sindaco: «Queste provocazioni politiche contribuiscono solo ad allontanare i villeggianti. Quanto alle ‘‘Notti al castello’’, non siamo l’unico paese ad essere investito dalla crisi economico-finanziaria»

S. MARINELLA – Degrado e scambi di accuse incrociate. Se da un lato la minoranza torna ad accusare il sindaco Bacheca sullo stato d’incuria delle spiagge della Perla, a soccorrere il primo cittadino sono gli stessi commercianti di Santa Severa. «Con un notevolissimo ritardo – esordiscono dall’opposizione – la giunta ha votato in questi giorni una delibera per la pulizia delle spiagge. La città non può più permettersi lo spettacolo indecoroso che abbiamo offerto la scorsa domenica, con le spiagge e le strade sporche e non ancora pronte ad ospitare i villeggianti, che infatti hanno disertato. A quanto abbiamo letto sul bilancio, rispetto al 2009 sono stati stanziati meno soldi per la pulizia e nessuna risorsa per i bagnini. Sono ormai sempre più numerosi i cittadini che esasperati dalla situazione di degrado delle loro vie e delle piazze, prendono l’iniziativa di spazzarle da soli, eliminando rifiuti ed erbacce». «Tra tutte le cose meravigliose che va decantando – proseguono i consiglieri di minoranza – Bacheca si è detto compiaciuto del fatto che dopo oltre dieci anni, Ama lascerà i compiti d’’igiene urbana di questa città, a seguito del bando per la nuova assegnazione del servizio. Peccato che nella sua soddisfazione il sindaco Bacheca abbia dimenticato di dire due o tre cosette. Ama se ne andrà per scadenza naturale del contratto e non certo per iniziativa dell’attuale giunta. Bacheca avrebbe avuto tutto il tempo, l’autorità e il dovere di imporre ad Ama il rispetto del contratto e la pulizia della città, la minima decenza». Ma la pensano diversamente i commercianti della frazione. «Le provocazioni politiche allontanano soltanto i villeggianti – dichiara una portavoce – ho un attività anche io al centro di Santa Severa e nessuno si è lamentato. Certo, alcune problematiche sono da risolvere, ma non siamo nel degrado assoluto come qualcuno afferma. In fin dei conti è piovuto fino a poco tempo fa e la cittadina è ricca di vegetazione, per cui tempo al tempo. Per quanto riguarda le ‘‘Notti al Castello’’, non siamo l’unico paese ad essere stato investito dalla crisi economico-finanziaria. Sarebbe quindi il caso di spendere un po’ meno risorse e organizzare iniziative costruttive, organizzate proprio da noi commercianti, per dare un segnale di collaborazione e appartenenza al territorio. In qualche modo bisogna soltanto utilizzare la fantasia». «Non è bello – conclude la donna – che a pochi giorni dalla conclusione delle scuole, si faccia una così cattiva pubblicità di Santa Severa per esclusivi scopi politici». (A.D.A.)

ULTIME NEWS