Pubblicato il

Domani mattina la processione del Cristo Risorto

Alle 9.30 si comincerà con la messa solenne celebrata dal Vescovo monsignor Carlio Chenis e poi alle 10.30 il corteo religioso si snoderà per le vie del centro storico. Una tappa anche a via Granari dove secondo la tradizione è stata ritrovata la statua risalente alla seconda metà del 700

Alle 9.30 si comincerà con la messa solenne celebrata dal Vescovo monsignor Carlio Chenis e poi alle 10.30 il corteo religioso si snoderà per le vie del centro storico. Una tappa anche a via Granari dove secondo la tradizione è stata ritrovata la statua risalente alla seconda metà del 700

PROCESSIONEdi ROMINA MOSCONI

 

CIVITAVECCHIA – Anche in questa Pasqua 2009 l’ormai tradizionale Processione del Cristo Risorto, promossa dalla Confraternita dell’Orazione e Morte, che si terrà domani mattina concluderà il programma delle cerimonie civitavecchiesi durante la Settimana Santa. Alle 9.30 presso la Chiesa di Santa Maria dell’Orazione e Morte il Vescovo di Civitavecchia e Tarquinia, monsignor Carlo Chenis celebrerà la messa solenne e alle 10.30 partirà il corteo religiosa che dalla chiesa dell’Orazione e Morte passerà per via Saffi, via D’Annunzio, via Sangallo, via XVI Settembre, piazza Casamatta, corso Marconi, piazza Vittorio Emanuele, via Mazzini, via Granari, via Borghese e via Montegrappa per poi ritornare in piazza Saffi. Questa Processione, da circa dieci anni, è stata “ripresa” per portare trionfalmente per le vie l’antica statua del Cristo Risorto, custodita nella chiesa Matrice di Santa Maria Assunta. Che in questi ultimi 4 anni, dopo cioè il restauro della preziosa statua risalente alla seconda metà del 700 di scuola Berniniana, la Sovrintendenza dei Beni Culturali ha vietato di far uscire la statua e quindi in processione viene portata una copia. “Per oltre due secoli questa processione ha annunciato ai civitavecchiesi la Resurrezione di Gesù – ha sottolineato il priore della Confraternita dell’Orazione e Morte, Giacomo Catenacci – questa tradizione è durata fino agli anni 40 e poi è stata interrotta con l’inizio della guerra e da una decina d’anni l’abbiamo ripresa. Come sempre una breve sosta la faremo davanti a quella che un tempo era la ‘‘locanda Poli’’, dove si racconta che alcuni secoli fa fu ‘‘ritrovata’’ la statua del Cristo Risorto, quella cioè che fino a 4 anni fa veniva portata in processione. Chiediamo a tutti coloro che abitano nelle vie dove passa la processione di addobbare finestre e balconi e di gettare fiori al passaggio della statua”.

ULTIME NEWS