Pubblicato il

Falsi invalidi ancora nel mirino delle forze dell’ordine

Tarquinia. Una donna è stata denunciata per utilizzo improprio del tagliando di sosta per le auto con a bordo portatori di handicap La Consulta provinciale delle associazioni promette un riconoscimento formale per polizia, carabinieri e vigili

Tarquinia. Una donna è stata denunciata per utilizzo improprio del tagliando di sosta per le auto con a bordo portatori di handicap La Consulta provinciale delle associazioni promette un riconoscimento formale per polizia, carabinieri e vigili

TARQUINIA – Ancora falsi invalidi a Tarquinia. Cresce il numero dei furbi che continuano a parcheggiare in città utilizzando abusivamente il famigerato tagliando rosso previsto per i portatori di handicap. Gli agenti del commissariato di Tarquinia, diretti dal vice questore aggiunto Riccardo Bartoli, proseguendo la copiosa attività posta in essere dai carabinieri, stamattina hanno sorpreso una signora mentre utilizzava impropriamente il contrassegno di sosta per le autovetture con a bordo persone invalide. La donna che utilizzava l’auto era infatti sanissima ma esponeva il titolo di sosta per evitare contravvenzioni e la rimozione del mezzo. L’episodio che ha permesso di mettere in luce la furba automobilista è accaduto di fronte all’ospedale dove la macchina parcheggiata dalla donna in una zona con divieto di sosta e fermata ha impedito il transito di un autocarro. In pochi minuti il traffico veicolare davanti al nosocomio cittadino è andato completamente in tilt. Un aggrovigliato ingorgo ha impedito, tra l’altro, anche l’ingresso e la fuoriuscita delle autoambulanze da e per l’ospedale. Necessario l’intervento della polizia che ha potuto verificare che la macchina in questione esponeva un contrassegno invalidi, ma era utilizzata dalla figlia della persona diversamente abile titolata ad usufruire delle agevolazioni sul parcheggio. A quel punto è scattata la denuncia. Il presidente della Consulta provinciale delle associazioni di volontariato per l’handicap della provincia di Viterbo (organo della Provincia rappresentante tutte le associazioni di volontariato operanti nel settore dei disabili) plaude all’attività posta in essere da tutte le forze dell’ordine di Tarquinia, promettendo un riconoscimento formale all’attività di polizia, carabinieri e vigili urbani per «l’ammirabile azione, anche sul piano sociale, di contrasto di tale malcostume». «La riduzione degli abusi – dice ancora la Consulta – è maggiore garanzia di utilizzabilità delle agevolazioni specifiche per la circolazione stradale di chi è affetto realmente da handicap».

ULTIME NEWS