Pubblicato il

Famiglia civitavecchiese costretta a vivere in auto al Bricchetto

ASPETTANDO FERRAGOSTO. La coppia con un figlio di tredici anni si è rivolta inutilmente ai Servizi sociali

ASPETTANDO FERRAGOSTO. La coppia con un figlio di tredici anni si è rivolta inutilmente ai Servizi sociali

CIVITAVECCHIA – Una famiglia, marito moglie e figlio di tredici anni, costretta a vivere in macchina da quindici giorni. Una Opel Meriva parcheggiata al Bricchetto, trasformata in un monolocale, dove sul sedile posteriore dorme il ragazzo e al lato guida il capo famiglia, reso invalido da un bruttissimo incidente stradale a causa del quale, da tempo non può più lavorare. Sdraiata alla sua destra la moglie, lavoratrice occasionale, che ogni giorno alle 8 in punto sveglia la famiglia e prepara la colazione, appoggiando sul sedile quello che riesce a comprare con i pochi soldi racimolati grazie al suo lavoro di pony express. Via il lenzuolo, al suo posto la tovaglia sulla quale, nei giorni più fortunati, insieme al latte è possibili vedere anche dei cornetti. «La nostra situazione è drammatica – racconta la signora – siamo stati sfrattati per morosità dall’appartamento in cui vivevamo in via Bramante. Senza lavoro non è possibile pagare l’affitto in maniera regolare». Il marito ci chiede di non coinvolgere il minore nel problema «già per noi è un disagio» e volentieri acconsentiamo chiedendo al ragazzo di rimanere ‘‘a letto’’ evitando così le foto. «Siamo stati ai Servizi sociali – racconta l’uomo – poi ci hanno detto di parlare con il Sindaco. Rimbalziamo da una parte all’altra senza una soluzione al problema». D’altronde la delegata ai Servizi sociali lo ha ribadito più volte che i soldi mancano, e quelli che ci sono – ci permettiamo di aggiungere – di sicuro servono per altre cose. Intanto una famiglia civitavecchiese si prepara a vivere il Ferragosto stipata in un’auto di piccola cilindrata, un problema come tanti per chi durante l’anno amministra la città e aspettando il meritato riposo estivo di sicuro non ha tempo per notare le vere emergenze. 

ULTIME NEWS