Pubblicato il

Fondazione Cariciv e Avis insieme per la prevenzione

L’ente bancario ha finanziato un progetto proposto dall’associazione che consentirà ai donatori di effettuare visite gratuite. Nicoletta Iacomelli: «L’iniziativa è giunta alla sua quarta edizione, voglio ringraziare il presidente Cacciaglia». Gli uomini tra i 45 e i 60 anni potranno sottoporsi alle analisi del PSA, le donne invece potranno eseguire il test per il funzionamento della tiroide

L’ente bancario ha finanziato un progetto proposto dall’associazione che consentirà ai donatori di effettuare visite gratuite. Nicoletta Iacomelli: «L’iniziativa è giunta alla sua quarta edizione, voglio ringraziare il presidente Cacciaglia». Gli uomini tra i 45 e i 60 anni potranno sottoporsi alle analisi del PSA, le donne invece potranno eseguire il test per il funzionamento della tiroide

di VIVIANA SERRA

CIVITAVECCHIA – Oltre che buoni, da questo anno, i donatori di sangue saranno sicuramente anche più sani. La Fondazione, infatti, da sempre sensibile ai problemi della prevenzione per la salute, ha finanziato un nuovo progetto promosso dall’AVIS. Il progetto, giunto alla sua IV edizione è articolato in quattro fasi e riguarda la medicina preventiva per i donatori di sangue dell’AVIS Comunale di Civitavecchia. «Quest’anno daremo ai donatori attivi, di sesso maschile, tra i 45 ed i 60 anni di età e ai donatori sospesi ultrasessantenni, la possibilità di fare le analisi del PSA, ossia conoscere la presenza nel sangue del tasso dell’antigene prostatico specifico, indicatore del rischio di cancro alla prostata – spiega la Presidente AVIS, Nicoletta Iacomelli. Ovviamente il progetto riguarderà anche le donne donatrici, che sotto prescrizione del medico del SIT, avranno la possibilità di eseguire il Test del TSH, per il funzionamento della tiroide». Soddisfatti per l’iniziativa il Presidente della Fondazione Ca.Ri.Civ. Vincenzo Cacciaglia ed il responsabile del settore, nonché neo segretario generale, Adriano Sansonetti. Nel corso dell’incontro il presidente Cacciaglia ha voluto evidenziare l’importanza del ruolo dell’AVIS, soprattutto in un momento drammatico per la sanità e per il disastro avvenuto in Abruzzo, oltre alla validità del progetto.

ULTIME NEWS