Pubblicato il

Frascarelli sulle terme, nuovo buco nell’acqua

La convocazione del consiglio conteneva un vizio di forma: nella prima c’era scritto ‘‘aperto’’, nella seconda l’aggettivo è stato omesso Monteduro lascia l’aula di via Montanucci: «Non avrei potuto parlare e me ne sono andato, le cose le sapranno comunque» Il presidente della Seconda: «Non ho scheletri nell’armadio, seguiamo alla lettera il regolamento. è stato commesso un errore»

La convocazione del consiglio conteneva un vizio di forma: nella prima c’era scritto ‘‘aperto’’, nella seconda l’aggettivo è stato omesso Monteduro lascia l’aula di via Montanucci: «Non avrei potuto parlare e me ne sono andato, le cose le sapranno comunque» Il presidente della Seconda: «Non ho scheletri nell’armadio, seguiamo alla lettera il regolamento. è stato commesso un errore»

GIANFRANCOdi MATTEO MARINARO

CIVITAVECCHIA – Pomeriggio agitato quello di ieri in seconda circoscrizione. Dopo l’incontro del 9 aprile scorso andato a vuoto per mancanza del numero legale, nel parlamentino di via Montanucci il presidente Frascarelli, aveva organizzato una nuova seduta aperta interamente dedicata al problema delle terme. Erano infatti presenti più parti informate sulla vicenda per far chiarezza sulla tanto discussa variante al prg per il progetto termale, attualmente bloccata in regione. Tutto da rifare. I presenti infatti, tra i quali Gabriella Rossi, Simona Ricotti, Alessandro Manuedda, Adriano Sinopoli, Vincenzo Monteduro e Sandro De Paolis (quest’ultimo in qualità di delegato al termalismo) hanno ascoltato con attenzione l’introduzione al dibattito del presidente Frascarelli. Quest’ultimo, proprio al momento di dare il via alla discussione, abbassando gli occhi tra le sue carte si è accorto che nell’oggetto della lettera di convocazione c’era scritto “consiglio circoscrizionale” ma non era menzionato da nessuna parte il fatto che fosse “aperto”. Differenza fondamentale visto che in quest’ultimo caso sarebbero potuti intervenire nel dibattito anche liberi cittadini e rappresentanti esterni al consiglio della Seconda. La discussione a questo punto si è accesa, soprattutto tra Frascarelli e il consigliere Scarmigliati: il primo che si è scusato per il vizio di forma dell’invito mentre cercava di riparare telefonando al segretario comunale Annibali per capire se il consiglio comunale chiuso sarebbe potuto diventare aperto; il secondo che proponeva un dibattito tra i rappresentanti dei partiti dopo l’intervento di De Paolis, informato sullo stato della vicenda in regione.
Dopo alcuni minuti di accesa discussione, il segretario dei Repubblicani europei Monteduro ha lasciato l’aula: «Visto che non posso parlare me ne vado – ha puntualizzato prima di uscire – se la discussione è rinviata per un vizio di forma è un problema vostro. Le cose che devo dire sulle terme le ho già accennate. Vado avanti. Quindi le saprete comunque. Quello che penso lo pubblico e rispondo personalmente di quello che dico, non ho bisogno di infilarmi da nessuna parte». «Mi scuso con le persone esterne al consiglio e con il delegato – ha puntualizzato Frascarelli – ci sarà una nuova conferenza dei capigruppo che si riuniranno venerdì prossimo alle 8 di mattina. Non ho scheletri nell’armadio, la gente mi ha chiesto un consiglio aperto e l’ho convocato. In due anni non c’è mai stato un errore. Seguiamo pedissequamente il regolamento, facciamo le cose come vanno fatte. Non so se nelle altre circoscrizioni si seguono così bene le regole».

ULTIME NEWS