Pubblicato il

Hashish dalla Spagna, due arresti dei Carabinieri

Brillante operazione di pedinamento portata a termine dagli uomini del capitano Mauro Izzo in collaborazione con i colleghi di Ancona Oltre tre ore per dissaldare il pianale anteriore di un Fiorino dal quale sono spuntati 55 chili di stupefacente che avrebbe fruttato 550 mila euro Fermata una coppia di marocchini notata nel porto dai militari e seguita fino ad un’area di sosta sull’A12 nei pressi di Santa Marinella

Brillante operazione di pedinamento portata a termine dagli uomini del capitano Mauro Izzo in collaborazione con i colleghi di Ancona Oltre tre ore per dissaldare il pianale anteriore di un Fiorino dal quale sono spuntati 55 chili di stupefacente che avrebbe fruttato 550 mila euro Fermata una coppia di marocchini notata nel porto dai militari e seguita fino ad un’area di sosta sull’A12 nei pressi di Santa Marinella

CIVITAVECCHIA – Nuova operazione antidroga portata a termine dai Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia. I militari dell’arma, in collaborazione con quelli di Ancona, hanno tratto in arrestato la scorsa notte una coppia di cittadini marocchini, L.B. 35enne lui e N.M. 38enne lei, entrambi provenienti dalla Spagna, che trasportavano, occultati nell’auto sulla quale viaggiavano, circa 55 chilogrammi di hashish. Tutto è nato da un’attenta azione di controllo messa in atto dai Carabinieri della Stazione Porto all’interno dello scalo locale.
Gli uomini del capitano Mauro Izzo, coordinati dal luogotenente Golino, hanno fermato un Fiorino per un normale controllo, notando subito un sospetto nervosismo nella donna che sedeva di fianco al guidatore. Il fatto che tremasse immotivatamente ha indotto i Carabinieri a predisporre rapidamente un servizio di pedinamento, per verificare la fondatezza degli indizi e per appurare il vero motivo legato alla presenza dei due stranieri sul territorio. Sotto la direzione del comandante di Compagnia, i militari della Stazione Porto hanno seguito l’auto per diversi chilometri, fino ad arrivare ad un’area di sosta lungo l’autostrada A12 nei pressi di Santa Marinella, dove intanto erano già oppostati altri militari e le unità cinofile.
Alla vista del veicolo con targa spagnola che procedeva in direzione Roma, è scattato l’alt al quale i due stranieri non hanno opposto alcuna resistenza. Due controlli nel giro di pochi minuti sono però apparsi strani all’uomo che guidava la macchina, tanto che in pochi secondi ha perso la sicurezza ostentata alla prima ispezione avvenuta nel porto di Civitavecchia. Sia l’uomo che la donna hanno iniziato a tremare e a contraddirsi nel rispondere alle domande dei Carabinieri, inducendo gli uomini in divisa a procedere a una verifica più approfondita. Protagonista della serata, il pastore tedesco ‘‘Fado’’, appartenente al Nucleo di Santa Maria di Galeria, che si è subito avventato sulla carrozzeria del Fiorino abbaiando e tentando di scavarla con le zampe.
Da qui la decisione del capitano Izzo di trasferire il veicolo presso la caserma di via Sangallo, dove per oltre tre ore i militari dei vari reparti impiegati hanno proceduto a dissaldarne il pianale anteriore.
Dalla botola ricavata, nascosta sotto la moquette ed il tappetino antipoggia, erano stati ben occultati 110 panetti di hashish, confezionati singolarmente, per un peso complessivo di 55 chilogrammi.
La droga, che avrebbe fruttato sul mercato circa 550 mila euro, è stata sequestrata mentre i due cittadini marocchini, arrestati con l’accusa di detenzione illecita aggravata di sostanze stupefacenti in concorso, sono stati associati al carcere di Borgata Aurelia.

ULTIME NEWS