Pubblicato il

I treni viaggiano senza aria condizionata

Ladispoli.Il delegato Filippo Cirillo ha scritto a trenitalia: "Non è ammissibile" Uno scenario insopportabile per gli oltre ottomila pendolari costretti a viaggiare stipati come sardine

Ladispoli.Il delegato Filippo Cirillo ha scritto a trenitalia: "Non è ammissibile" Uno scenario insopportabile per gli oltre ottomila pendolari costretti a viaggiare stipati come sardine

LADISPOLI – «Non è ammissibile che in questo periodo di grande caldo i pendolari di Ladispoli e Marina di Cerveteri siano costretti a viaggiare su treni super affollati dove l’impianto di condizionamento è quasi sempre guasto o insufficiente. Chiediamo a Trenitalia di intervenire tempestivamente prima che gli utenti diano vita a civili ma eclatanti manifestazioni di protesta». La segnalazione è partita dal delegato del sindaco Paliotta ai rapporti con le Ferrovie dello stato, Filippo Cirillo, che ha inviato una dura nota di protesta alla Direzione regionale di Trenitalia, evidenziando uno scenario ormai insopportabile per gli oltre ottomila pendolari che ogni giorno usufruiscono del trasporto su rotaia per arrivare a Roma per motivi di lavoro e di studio. «Da alcuni giorni – ha spiegato il delegato Cirillo – l’amministrazione comunale di Ladispoli riceve segnalazioni di ripetuti disservizi sui treni, sia da parte del Codacons sia dal Comitato pendolari. Disagi riguardanti sopratuttto il cattivo funzionamento degli impianti di condizionamento dei treni in partenza da Roma Termini per Civitavecchia e Pisa centrale, tutti in transito dalla stazione di Ladispoli. In molti vagoni l’aria condizionata non funziona, i finestrini spesso risultano bloccati e si raggiungono temperature che superano i 40 gradi all’interno delle carrozze. Come se non bastasse alcuni convogli viaggiano stracolmi con le persone stipate come sardine e con le luci interne spente senza neanche le lampade di emergenza siamo accese. Insomma, un vero calvario con frequenti attacchi di panico specialmente fra le persone più anziane ed i bambini». «Ho costatato personalmente la situazione, prendendo il treno per Pisa in partenza dalla stazione di Roma Termini alle ore 16,09. Alla partenza in molte carrozze l’aria condizionata non funzionava e le luci risultavano spente, e così sono rimaste anche nel transito delle numerose gallerie Ostiense- Maccarese».

ULTIME NEWS