Pubblicato il

Immigrati, possibile tendopoli a Tarquinia

Il sindaco Mauro Mazzola ha scritto alla Polverini per chiedere spiegazioni Un vertice in prefettura avrebbe escluso Sant’Agostino, ma non l’ipotesi che venga realizzato un campo nel territorio Sopralluogo dei tecnici del ministero presso l'ex aeroporto

Il sindaco Mauro Mazzola ha scritto alla Polverini per chiedere spiegazioni Un vertice in prefettura avrebbe escluso Sant’Agostino, ma non l’ipotesi che venga realizzato un campo nel territorio Sopralluogo dei tecnici del ministero presso l'ex aeroporto

TARQUINIA – Il sindaco Mauro Mazzola ha scritto una lettera al Governatore del Lazio Renata Polverini per esprimere fermo dissenso all’ipotesi che il territorio di Tarquinia ospiti una tendopoli con centinaia di emigranti nordafricani. «Dalla giornata di oggi si rincorrono voci di sopralluoghi “segreti” in alcuni siti, senza che il sindaco sia stato informato. – afferma il primo cittadino – Considero inammissibile che simili scelte siano prese senza coinvolgere gli Enti Locali». «Sia chiaro -prosegue il primo cittadino – da parte della comunità tarquiniese non c’è nessuna forma di razzismo ma soltanto la volontà di vedere rispettate le proprie istanze. La città è disponibile, con il coinvolgimento di tutte le Istituzioni, a realizzare un serio progetto di ospitalità che tuteli la dignità degli emigranti, per evitare tensioni sociali e ripercussioni negative sull’economia. Ribadisco però la ferma opposizione a quella che è una politica “dell’imposizione” assolutamente inaccettabile». «Il Governo – dice Mazzola – di fronte ad una crisi annunciata da mesi, in quanto le rivolte che hanno sconvolto i Paesi del nord Africa sono scoppiate all’inizio dell’anno, si è fatto colpevolmente trovare impreparato e oggi non può scaricare il peso di questa responsabilità sui piccoli comuni». «E non valgano – insiste il sindaco di Tarquinia – le parole del ministro dell’Interno, Roberto Maroni, che parla di ‘‘un fenomeno di straordinarie proporzioni, un’emergenza umanitaria sia per la quantità degli arrivi che per l’intensità con cui si sono susseguiti’’, perché tutto ciò era ampiamente previsto. L’amministrazione comunale, se l’ipotesi di una tendopoli trovasse conferma, attuerà forme di dissenso forti, contro ciò che definisco un vero e proprio abuso di potere». L’allarme, secondo quanto si è potuto apprendere, sarebbe scaturito a seguito di un sopralluogo di alcuni tecnici del ministero presso l’ex aeroporto e alla luce di un incontro avvenuto in Prefettura, nel corso del quale sarebbe stata scartata l’ipotesi di un campo nell’area di Sant’Agostino, vicino Civitavecchia, ipotizzata in un primo momento. Il vertice non avrebbe però in alcun modo escluso che la tendopoli possa essere realizzata comunque a Tarquinia. Da capire, dunque, quale potrebbe essere il sito eventualmente utilizzato per fronteggiare l’emergenza immigrati e se possa essere utilizzato il sito oggetto del sopralluogo. Un nuovo vertice sarebbe previsto per i prossimi giorni.

ULTIME NEWS