Pubblicato il

Inquinamento, Legambiente: "In 18 impianti del Lazio l'86% dei valori è fuorilegge"

MONTALTO DI CASTRO – “Alto il livello dell’inquinamento derivante dai maggiori 18 impianti industriali della Regione Lazio: ben 62 su 72 valori dichiarati per gli inquinanti locali, ovvero circa l’86%, risultano essere al di sopra della soglia fissata dalle normative. Benzene, ossidi di azoto, ossidi di zolfo e cloro, ma anche molti metalli pesanti, come cadmio, arsenico, cromo e nichel riempiono l’aria e le acque di diversi punti del Lazio. Agli inquinanti ‘classici’, che il traffico riversa nelle nostre città, vanno aggiunte queste sostanze chimiche, tossiche e in alcuni casi cancerogene, emesse da fonti industriali, come risulta dal Registro nazionale Ines (Inventario nazionale delle emissioni e delle loro sorgenti) tenuto dall’Ispra, relativo al 2006. E’ a questo inquinamento che Legambiente dedica quest’anno il lancio di Mal’Aria, la storica campagna delle lenzuola bianche annerite per dire con forza no allo smog, presentando ‘Mal’Aria industriale’, il nuovo libro bianco sull’inquinamento atmosferico da attività produttive, con diverse iniziative”. Lo comunica, in una nota, Legambiente Lazio. “Da cementerie a centrali termoelettriche, da cartiere a discariche, da raffinerie a industrie chimiche – prosegue il comunicato – sono tante e diversificate le fonti di emissione industriale anche nel Lazio. Tra le aree più compromesse dal punto di vista ambientale sicuramente il polo energetico settentrionale di Montalto di Castro e Civitavecchia, nonché la raffineria di Roma situata nell’area di Malagrotta e la cementeria localizzata nell’area di Guidonia”. “Per tutelare la salute dei cittadini, oltre che sullo smog da traffico, bisogna intervenire per ridurre le emissioni delle industrie, il dramma della Valle del Sacco ne è la dimostrazione chiara – ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio – Nel Lazio questo obiettivo è praticabile, serve un rinnovato impegno delle istituzioni ma è soprattutto il sistema industriale che, proprio in questo momento di crisi economica, deve scommettere su prodotti più innovativi, con meccanismi di produzione più efficienti e meno inquinanti, rafforzando qualità, capacità competitiva, sicurezza. In particolare nelle aree di Malagrotta, Civitavecchia-Montalto, Guidonia e nella Valle del Sacco dalla Regione Lazio attendiamo risposte forti sul monitoraggio in continuo delle emissioni, con dati validati da parte dell’Arpa Lazio, con interventi di riduzione e risanamento della qualità dell’aria, utilizzando anche di concerto con le Province la fase di rinnovo delle autorizzazioni ambientali per rinnovare gli impianti, con l’obiettivo di alleggerire gli impatti ambientali delle industrie”. “Analizzando alcuni casi – continua il comunicato – la nostra attenzione si è concentrata in particolare su alcune aree. La prima, quella di Malagrotta nella Capitale, dove si concentrano non solo la più grande discarica d’Europa ma anche il nuovo gassificatore, la raffineria di Roma e numerose cave. Nell’area di Guidonia trovano invece sede non solo la cementeria, ma anche la discarica dell’Inviolata e altre cave, ed inoltre, a pochi chilometri, nella zona di Case Rosse, un inceneritore per catalizzatori. Da ultimo, la zona della Valle del Fiume Sacco, tra Roma e Frosinone, dove proprio in questi giorni sono stati resi noti i nuovi drammatici dati sulla salute dei cittadini a seguito dell’emergenza ambientale e sanitaria che si scatenò nel 2005”. “I dati epidemiologici nella Valle del Sacco sono gravi ed inquietanti, oltre al previsto costante monitoraggio della salute dei cittadini, chiediamo di verificare nuovamente che nessun pezzo della catena alimentare sia oggi in alcun modo inquinato, ma anche di accelerare il lavoro di bonifica – ha dichiarato Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio -. Sul fronte regionale preoccupano i dati sul benzene a Malagrotta, ma anche i più tradizionali ossidi di azoto a Montalto di Castro e ossidi di zolfo a Civitavecchia e di nuovo a Montalto e Malagrotta, mentre nel polo energetico a nord del Lazio è seria anche la situazione per diversi metalli pesanti. Bisogna intervenire con più controlli e iniziative per ridurre le emissioni tenendo anche conto di impianti più piccoli ma non meno importanti come inceneritore per catalizzatori lungo la Via Tiburtina a Roma, dove abbiamo già richiesto alla Provincia di Roma di negare nella situazione attuale il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (Aia)”. “Il quadro regionale – si legge nel comunicato – presenta dunque diversi aspetti su cui intervenire, sia per le emissioni atmosferiche che per quelle in acqua. Entrando nello specifico, relativamente alle prime per il benzene è la raffineria di Roma ad emettere 4.735 kg/anno, rispetto al ben più basso valore soglia di 1.000 kg/a. Preoccupano inoltre i “tradizionali” ossidi di azoto (NOx), che in 13 su 16 casi risultano oltre il valore soglia di 100 tonnellate/anno (Mg/a), con la centrale termoelettrica di Montalto di Castro (Vt) che fa registrare 2.815 t/a. Per gli ossidi di zolfo (SOx) la situazione non è migliore, con il valore soglia di 150 t/a ben superato, ancora, dalla centrale termoelettrica di Montalto di Castro (Vt) con 7.920 t/a e dalla raffineria di Roma con 2.053 t/a, nonché dalla centrale termoelettrica Torre Valdaliga Sud di Civitavecchia (Rm) con 1.283 t/a. Molto seria la situazione delle emissioni in atmosfera di diversi metalli e loro composti, per cui si fanno di nuovo distinguere le due suddette centrali. L’impianto di Torre Valdaliga Sud di Civitavecchia supera il valore soglia del Cadmio, con 23,1 kg/a (soglia 10 kg/a), del Cromo, in ben due punti, con 322 kg/a e 165 kg/a (soglia 100 kg/a) e del Nichel, ancora in due punti, con 325 kg/a e 149 kg/a (soglia 50 kg/a). L’impianto di Montalto di Castro supera molto invece il valore soglia per il Nichel con 437 kg/a (soglia 50 kg/a). Anche per le emissioni nelle acque emergono dati preoccupanti sul fronte dei metalli e loro composti, rispetto ad Arsenico, Cadmio, Cromo, Nichel, Rame e Zinco. Sul fronte degli altri inquinanti, si fanno distinguere altri composti organici BTEX, ‘carbonio organico totale’, fenoli fosforo e azoto”.

ULTIME NEWS