Pubblicato il

Insieme si può

di MASSIMILIANO GRASSO

L’apertura odierna del nostro giornale è abbastanza inconsueta. Una volta tanto abbiamo voluto riservare maggiore spazio ad una buona notizia, che dovrebbe far riflettere, così come le parole di don Egidio Smacchia, dell’assessore Gino Vinaccia, dei rappresentanti dei Lions e del presidente della Fondazione Cariciv Vincenzo Cacciaglia, che da anni insiste sull’importanza della collaborazione.

Insieme si può: la coniugazione perfetta, nelle due semplici ma fortissime parole del motto di don Egidio, di quella che dovrebbe essere l’idea guida della nostra classe dirigente. Ieri è stata consegnata una ‘‘semplice’’ cucina, ma l’intervento della fondazione americana dei Lions, quello dei club sardi, abbinati a quelli istituzionali, della Fondazione Cariciv, grazie alla quale – sempre per citare don Egidio – ‘‘gran parte del sogno si sta avverando’’ e di singoli imprenditori, come Tony Grimaldi e Stefano Cardellicchio in questo caso (ma in città ci sono tanti altri esempi virtuosi, a partire da Mafalda Molinari, fino ad Ernesto Mojoli, solo per citare due nomi per tutti) rappresentano un esempio concreto di come – in un momento di devastante crisi economica – l’Italia riesca ad andare avanti.

Questa è la Città migliore, che fa squadra per sfruttare concretamente quelle potenzialità di cui troppo spesso si parla, senza che diventino reali occasioni di crescita condivisa. Il resto, i veleni, ma anche le chiacchiere di chi dice di voler ‘‘fare’’ insieme battaglie senza senso e destinate semmai a dividere, come la riunificazione di comuni o lo spostamento di province, vanno nella direzione opposta rispetto a quella che ci dovremmo tutti realmente convincere ad imboccare insieme.

Ciascuno per la sua parte, così come ieri il presidente della Cna, da imprenditore, lanciava un appello ‘‘per fare sistema’’ e da sempre il presidente della Fondazione Cariciv parla della necessità di ‘‘sinergie’’.

Il concetto è sempre lo stesso, tanto caro anche a don Egidio: Insieme, si può.

ULTIME NEWS