Pubblicato il

Italcementi, Fiorentini salva la situazione

La mozione sulla revoca dell’accordo non è passata grazie all’astensione dell’esponente della Dc. «Senza un chiarimento è l’ultima volta che appoggio le decisioni della coalizione» 

La mozione sulla revoca dell’accordo non è passata grazie all’astensione dell’esponente della Dc. «Senza un chiarimento è l’ultima volta che appoggio le decisioni della coalizione» 

FIORENTINICIVITAVECCHIA – Mario Fiorentini, il consigliere della Democrazia cristiana per le Autonomie, questa volta ha fatto la differenza. Oggi in consiglio comunale è stata discussa un’unica mozione, quella presentata dalla minoranza per determinare la revoca del protocollo d’intesa stipulato tra l’amministrazione comunale e la società Italcementi. Dopo che l’atto è stato illustrato, hanno risposto in ordine l’assessore Mauro Nunzi e il sindaco Moscherini, che ha approfittato per ribadire le basi su cui poggiava l’accordo siglato dalla giunta De Sio. «Il comune non può comprare e rivendere le aree perché non è un imprenditore – ha dichiarato – tutto si basava sulla condizione che prevedeva la ricostruzione dell’impianto di macinazione all’interno del porto, poi, dopo due anni il Comune avrebbe dovuto provvedere alla demolizione dell’area: circa 28 milioni dei quali il Pincio non dispone. Con il nuovo accordo – ha proseguito Moscherini – si arriverà alla trasformazione di quell’area in zona abitativa per contribuire alla riqualificazione del tessuto urbano». All’atto della votazione erano però presenti solo 12 consiglieri di maggioranza, contro gl’ undici di minoranza. Proprio l’astensione di Fiorentini, delegato all’Italcementi, ha determinato il voto infruttuoso con il conseguente respingimento dell’atto a parità di voto. «È l’ultima volta che appoggio la maggioranza – ha dichiarato Fiorentini – ora è opportuno che ci sia un chiarimento».

ULTIME NEWS