Pubblicato il

La città tra ‘700 e ‘800, riparte il corso di storia locale

Al via per il secondo anno il ciclo di incontri finanziati dalla Fondazione Cariciv e organizzati dalla Società Storica Civitavecchiese Le conferenze si terranno presso la Biblioteca Comunale e saranno dedicati ai studenti e agli appassionati

Al via per il secondo anno il ciclo di incontri finanziati dalla Fondazione Cariciv e organizzati dalla Società Storica Civitavecchiese Le conferenze si terranno presso la Biblioteca Comunale e saranno dedicati ai studenti e agli appassionati

FONDAZIONECIVITAVECCHIA – È stata presentata ieri mattina presso la sala conferenze della Fondazione Cariciv la seconda edizione del ciclo di ‘‘Conferenze di Storia Locale’’. Gli incontri, finanziati dall’ente bancario, saranno tenuti dagli esperti di storia della Società Storica Civitavecchiese Enrico Ciancarini e Mario Camilletti. Il corso, dedicato alle scuole civitavecchiesi ma non solo, è strutturato in sei incontri-conferenze che si terranno presso la Biblioteca Comunale e si propone di approfondire alcuni momenti della storia della città relativi al XVIII e al XIX secolo. «Inizieremo il nostro viaggio nel 1730 – ha spiegato Camilletti – data in cui in città arriva Santa Costanza. Proseguiremo poi con un incontro dedicato al 1761 anno in cui inizia la stesura delle ‘‘Storie della città’’ ovvero la produzione della storiografia fondamentale. Il terzo appuntamento sarà dedicato al 1799 con ‘‘Le giornate di Civitavecchia’’ mentre l’incontro successivo ai moti del ‘48 con ‘‘Civitavecchia e la Repubblica Romana’’. I ciclo si concluderà con due conferenze: la prima incentrata sul 1870 anno dell’unità d’Italia e l’arrivo del tricolore; la seconda ed ultima sarà invece un approfondimento sul 1897 e lo sciopero dei portuali civitavecchiesi». Soddisfatto dell’iniziativa il presidente della Fondazione Cariciv Vincenzo Cacciaglia: «C’è un grande fermento in città nei confronti della storia – ha commentato il numero uno dell’ente – credo pertanto che sia utile ‘‘battere il ferro’’ finchè è caldo. Un progetto importante che abbiamo ‘‘sposato’’ per il secondo anno perchè è rivolto alla scuola in primis ma anche a tutta la città». Presente ieri mattina anche il delegato alla scuola Vittorio Sebastiani. «Noto con piacere che cresce sempre di più il popolo di appassionati ed esperti di storia locale – ha aggiunto – non è facile trovare un interessamento simile in altre città italiane. Un corso questo propedeutico per le insegnati e che si sposa perfettamente con il 150° anniversario dell’Unità che celebreremo l’anno prossimo». Ieri a rappresentare le scuole c’erano il vicario della Scuola Manzi Caprasecca, la professoressa Stanzioni della Flavioni, il dirigente del V° Circolo Maniglia, il vicacrio del IV° Circolo didattico Nappo e la professoressa Nappo. Il corso inizierà ufficialmente il prossimo venerdì 26 febbraio dalle 16,30 alle 18,30 e proseguirà poi ogni martedì presso la Biblioteca Comunale.

Mat. Mar.

ULTIME NEWS