Pubblicato il

La Frasca, il sindaco diffida l'Arsial

Questa la replica del commissario straordinario dell'Arsial Massimo Pallottini che in una nota ha risposto alle dichiarazioni del sindaco. "La nostra volontà è di creare una zona ad alta valenza ambientale che possa essere utile e fruibile dai cittadini. Ma il sindaco annuncia una diffida: "È illegittimo, l'unico concessionario di quei terreni fino al 2013 è il Comune di Civitavecchia

Questa la replica del commissario straordinario dell'Arsial Massimo Pallottini che in una nota ha risposto alle dichiarazioni del sindaco. "La nostra volontà è di creare una zona ad alta valenza ambientale che possa essere utile e fruibile dai cittadini. Ma il sindaco annuncia una diffida: "È illegittimo, l'unico concessionario di quei terreni fino al 2013 è il Comune di Civitavecchia

CIVITAVECCHIA – “Sui terreni della Frasca in uso al camping, Arsial sta semplicemente regolarizzando una situazione pregressa non determinata da noi”. A parlare è Massimo Pallottini commissario straordinario di Arsial, che in una nota è intervenuto per porre chiarezza sulla questione dei terreni della pineta La Frasca di proprietà dell’Agenzia e per far seguito alle richieste intimate dal sindaco Moscherini nella conferenza stampa di due giorni fa. Dal comunicato si evince che la concessione alla cooperativa di campeggiatori per l’uso di circa 19 ettari della pineta La Frasca è stata rilasciata dal Comune di Civitavecchia (con propria deliberazione del 1980 e, successivamente formalizzata con un Atto di convenzione del 1989). “Inoltre – sottolinea Pallottini – con un decreto del Presidente della Regione del 24 ottobre 2005, è stato approvato e adottato un accordo di programma tra la Regione Lazio e il Comune di Civitavecchia denominato ”Patto territoriale degli Etruschi – ditta coop. Camping La Frasca”, finalizzato al recupero della pineta, al completamento, alla ristrutturazione, al miglioramento e all’ammodernamento del Campeggio La Frasca, in variante al piano regolatore di Civitavecchia”. Arsial, dopo l’emanazione del regolamento regionale sulla dismissione dei beni dell’Agenzia, ha solo recepito l’accordo di programma quindi e sta procedendo ad una regolarizzazione del rapporto pregresso, presente e futuro con la cooperativa, studiando una concessione onerosa pluriennale che riguarda esclusivamente i 19 ettari in uso al camping. A conti fatti i restanti 37 ettari quindi verrebbero quindi ceduti a titolo gratuito al Comune, ai sensi di quanto stabilito dall’art.9 del regolamento regionale. “La nostra volontà – ha concluso il commissario straordinario di Arsial – è di creare una zona ad alta valenza ambientale che possa realmente essere utile e fruibile da parte di tutti i cittadini”.

Ma il sindaco Moscherini proprio questa mattina ha annuciato una diffida diffida al commissario Arsial sulla concessione a terzi dei terreni in zona Frasca. “Spedirò ufficialmente una lettera di diffida  – ha precisato il primo cittadino – al commissario dell’Arsialaffinché eviti di dare in concessione a terzi i terreni della pineta. Un tentativo che risulta essere illegittimo, in quanto l’unico concessionario di quei terreni fino al 2013 è il Comune di Civitavecchia”.

Mat. Mar.

ULTIME NEWS