Pubblicato il

La vittima è rimasta bloccata nel cabinato

S. MARINELLA. Incidente in mare la notte scorsa. Una nave cisterna si è scontrata con un natante di 8 metri al largo di Capolinaro Maurizio Bartoli, 53 anni di Ladispoli, è stato trovato morto tra i rottami dell’imbarcazione. Salvo l’amico Lorenzo Nelli di Sutri

S. MARINELLA. Incidente in mare la notte scorsa. Una nave cisterna si è scontrata con un natante di 8 metri al largo di Capolinaro Maurizio Bartoli, 53 anni di Ladispoli, è stato trovato morto tra i rottami dell’imbarcazione. Salvo l’amico Lorenzo Nelli di Sutri

S. MARINELLA – Erano impegnati in una battuta di pesca al largo del mare di Capolinaro, a Santa Marinella, a bordo di un natante di otto metri, quando, per cause in corso d’accertamento, si sono scontrati con una nave cisterna. Maurizio Bartoli, 53 anni, originario di Tarquinia ma residente a Ladispoli, è stato trovato morto. L’amico, Lorenzo Nelli, 54 anni nato a Civita Castellana e residente a Sutri è rimasto ferito in modo non grave. L’incidente si è verificato poco prima dell’una la notte scorsa a 13 miglia al largo di Santa Marinella. Nonostante le ottime condizioni di visibilità, la nave cisterna ‘Martina’, in navigazione da Livorno ad Augusta, è finita contro il natante di circa 8 metri con a bordo i due uomini. Lorenzo Nelli era al timone dell’imbarcazione. Con il violento impatto è finito in mare ed è stato subito soccorso dall’equipaggio della motocisterna. Bartoli è invece risultato disperso. Immediatamente sono iniziate le ricerche condotte, oltre che da mezzi e uomini della Capitaneria di Porto di Civitavecchia, subito intervenuta sul posto, anche dai mezzi nautici dei carabinieri e da una squadra di sommozzatori dei vigili del fuoco. Ad un paio di ore dall’incidente, il disperso è stato trovato morto tra i rottami dell’imbarcazione da diporto, ribaltatasi a causa dell’urto. L’uomo sarebbe deceduto perché rimasto bloccato all’interno del cabinato, dove probabilmente stava riposando. A stabilire con esattezza le cause del decesso, forse avvenuto per annegamento, sarà comunque l’esame autoptico sul corpo di Bartoli, disposto dalla Procura di Civitavecchia che ha aperto un’inchiesta per accertare le cause della collisione ed eventuali responsabilità. I due mezzi sono stati sequestrati. AncoraINCIDENTE in corso le indagini per ricostruire la dinamica dello scontro, definito inspiegabile dagli uomini della Capitaneria di porto, in quanto le condizioni di visibilità erano perfette. Da tenere presente anche il fatto che la nave cisterna è dotata di tutti i dispositivi elettronici adatti ad intercettare la presenza di un ostacolo fino ad un miglio di distanza. Da capire, dunque, se si sia verificato un guasto all’apparecchiatura di bordo. Le operazioni di recupero della barca sono durate per tutta la giornata. In serata il natante è stato trasportato con apposita imbracatura al porto di Civitavecchia, Riva di Traiano. Maurizio Bartoli lascia due figlie, Sara di 23 anni e Giorgia di 18 anni; lavorava presso la copisteria di via Taranto, vicino al liceo scientifico Pertini di Ladispoli, subito chiusa per lutto.

ULTIME NEWS