Pubblicato il

«Bando di gara nel rispetto delle leggi»

S. Marinella. L’assessore allo Sport Rodolfo La Rosa si difende dalle accuse in merito alla procedura di affidamento del campo di via Cartagine «Il presidente del ‘‘Perla del Tirreno’’ ha sempre dichiarato di non essere più interessato alla struttura. Ci meraviglia tutto questo interesse improvviso» «Lascia a desiderare il modo in cui la sua società ha gestito il campo. Ora l’amministrazione otterrà un’entrata di 12mila euro contro i precedenti 250»

S. Marinella. L’assessore allo Sport Rodolfo La Rosa si difende dalle accuse in merito alla procedura di affidamento del campo di via Cartagine «Il presidente del ‘‘Perla del Tirreno’’ ha sempre dichiarato di non essere più interessato alla struttura. Ci meraviglia tutto questo interesse improvviso» «Lascia a desiderare il modo in cui la sua società ha gestito il campo. Ora l’amministrazione otterrà un’entrata di 12mila euro contro i precedenti 250»

di ALESSANDRO D’ALESSIO

SANTA MARINELLA – Secca replica dell’assessore allo Sport Rodolfo La Rosa nei confronti di Aldo Tirante. L’assessore rispedisce al mittente le accuse sul bando di gara per la gestione del campo di via Cartagine a S. Severa perso da Tirante e spiega come tutto sia avvenuto nel rispetto delle leggi, a differenza di quanto sostenuto dal presidente del ‘‘Perla del Tirreno’’. «Il 29 luglio – dice La Rosa – la commissione istituita ad hoc ha approvato il verbale di gara, dove risulta che l’associazione ‘‘Soccer Santa Severa’’, ha presentato l’offerta più conveniente». Secondo l’assessore allo sport, la commissione ha lavorato con scrupolo e lontana da qualsiasi ‘‘pressione politica’’. «Apprendo – prosegue La Rosa – che Aldo Tirante ha presentato un ricorso alla Procura della Repubblica ed un altro al segretario generale del Comune. Tutti hanno diritto di difendere i propri interessi, se ritenuti lesi, nelle sedi che ritiene più opportune, ma a nessuno è consentito di lanciare accuse pesanti, ma generiche, come ha fatto il presidente Aldo Tirante, dichiarando testualmente che il campo di Santa Severa non è stato aggiudicato alla sua società perché la volontà politica ha prevaricato un atto amministrativo». «Tutta questa vicenda – incalza l’assessore – comincia ad apparire strana: Aldo Tirante è stato l’ultimo gestore del campo di via Cartagine e tutt’ora ne detiene l’uso non avendo provveduto ad effettuare la consegna; in tale qualità avrebbe potuto richiedere il rinnovo della concessione, ma ha sempre dichiarato di non essere più interessato, tanto che la proroga deliberata dalla giunta l’11 luglio 2008 è stata ottenuta come un favore di Aldo Tirante al sottoscritto assessore. Il repentino interesse a voler gestire ancora il campo di Santa Severa per un solo anno ci meraviglia anche se la sua partecipazione ha smosso la concorrenza e l’amministrazione potrà così usufruire di un’entrata per l’affitto pari a 12mila euro contro i 250, dicasi duecentocinquanta, finora pagati dalla ‘‘Perla del Tirreno’’. Certo il modo in cui ha gestito il campo sportivo ha lasciato molto a desiderare ed i 12 punti assegnati dalla commissione evidentemente riguardano il tempo di gestione e non la qualità della stessa. Non sono uno di quelli che crede alla volontà di qualcuno di impedire la ristrutturazione e la concessione pluriennale del terreno perché si mira a realizzare un qualcosa sulla proprietà Gepra». «Non solo non ci credo – conclude Rodolfo La Rosa – ma posso assicurare i cittadini di Santa Severa che per quell’area destinata a verde privato presenterò una proposta di variante a verde pubblico, come di fatto è utilizzata da sempre».

ULTIME NEWS