Pubblicato il

«Cartellone estivo ancora in alto mare»

Tarquinia. Gli esponenti del Popolo della Libertà attaccano la giunta Mazzola per i «gravissimi ritardi» La stagione balneare è iniziata da un pezzo e gli operatori turistici rischiano di vedere vanificati gli sforzi di offrire servizi sempre migliori Il Pdl: «Un’amministrazione in affanno e priva di idee. Visti i precedenti non vorremmo che anche quest’anno si presentino gli stessi problemi»

Tarquinia. Gli esponenti del Popolo della Libertà attaccano la giunta Mazzola per i «gravissimi ritardi» La stagione balneare è iniziata da un pezzo e gli operatori turistici rischiano di vedere vanificati gli sforzi di offrire servizi sempre migliori Il Pdl: «Un’amministrazione in affanno e priva di idee. Visti i precedenti non vorremmo che anche quest’anno si presentino gli stessi problemi»

TARQUINIATARQUINIA – Dopo la polemica strade e i ritardi su alcuni lavori di riqualificazione, gli esponenti del Popolo della Libertà di Tarquinia tornano all’attacco dell’amministrazione comunale di centrosinistra per criticare il cartellone degli spettacoli estivi «che non è stato ancora varato». «La stagione balneare è iniziata da un pezzo – scrive il Pdl in una nota stampa – e l’amministrazione comunale non ha ancora reso noto il cartellone degli spettacoli estivi. Si tratta di un ritardo gravissimo che crea sconcerto tra i villeggianti, gli operatori turistici e gli stessi cittadini, curiosi di conoscere un programma degli spettacoli che ancora non c’é». «Nella vicina Montalto di Castro – prosegue il Pdl – il programma è stato reso noto già da dieci giorni, mentre dall’amministrazione comunale di Tarquinia non giungono segnali di vita». L’amministrazione nelle scorse settimane ha annunciato che sta lavorando in proposito, ma ancora non si hanno notizie, e il mese di giugno è sfumato. «Non vogliamo essere pessimisti – dicono dal centrodestra – ma visti i precedenti c’è poco da stare allegri. Infatti, nel 2007 la neo eletta amministrazione di centr-sinistra, mise in piedi un programma approssimativo. Si trattava di un’amministrazione appena insediata e qualche sbavatura non sorprese nessuno. Nel 2008, l’estate fu punteggiata da incredibili strafalcioni grammaticali, vedi la mancanza di un apostrofo negli striscioni e nei manifesti estivi, che fece ridere tutta la città. Il calvario proseguì con spettacoli annullati all’ultimo momento, concerti spostati dalla città al Lido e depliant inadeguati. L’apoteosi si raggiunse quando, alla fine di un concerto a Tarquinia Lido, mancò l’energia elettrica e lo spettacolo fu sospeso tra i fischi del pubblico presente». «Non vorremmo – attacca il Pdl – che anche questa estate la programmazione comunale degli spettacoli presenti gli stessi problemi. A pagare le conseguenze della mancanza di un cartellone, sono soprattutto gli operatori turistici che ogni estate si impegnano per offrire servizi e accoglienza ai villeggianti, ma vedono vanificati i loro sforzi da un’amministrazione comunale in affanno e priva di idee». (Ale.Ro.)

ULTIME NEWS