Pubblicato il

«Consorzi stabili per rilanciare le imprese»

Replica al vetriolo del sindaco Moscherini sulla questione sollevata dai consiglieri comunali del Partito democratico. «Li ho suggeriti per evitare trattative private ed eccessivi ribassi che porterebbero ad un risparmio sulla qualità dei materiali o sul lavoro del personale». Intanto attacca il neo costituito Coordinamento della libertà: «Anche quelle sono larghe intese, fatte dai fannulloni»

Replica al vetriolo del sindaco Moscherini sulla questione sollevata dai consiglieri comunali del Partito democratico. «Li ho suggeriti per evitare trattative private ed eccessivi ribassi che porterebbero ad un risparmio sulla qualità dei materiali o sul lavoro del personale». Intanto attacca il neo costituito Coordinamento della libertà: «Anche quelle sono larghe intese, fatte dai fannulloni»

CIVITAVECCHIA – Il sindaco Moscherini attacca i consiglieri del Partito democratico Marco Piendibene, Marietta Tidei e Roberto Cosimi, replicando sulla costituzione dei consorzi stabili: «A quanto pare fanno parte del partito del no – dichiara il primo cittadino – e tentano di contrastare qualunque cambiamento in città, facendo pensare a giochi e magheggi in atto». Sulla questione afferma di voler fare chiarezza: «Ho deciso di ragionare diversamente con quelle imprese che hanno sempre fatto il gioco dell’Enel, scannandosi reciprocamente per poi tornare a piangere al Comune – riferisce il Sindaco – ho suggerito loro di riorganizzarsi nel tentativo di diventare competitive, altrimenti dal Comune non avrebbero ottenuto più niente. Questo il motivo della costituzione dei consorzi stabili – aggiunge – se dieci imprese si mettono insieme, a una gara partecipa il consorzio e non i singoli componenti. Così si evitano le trattative private e il ribasso del ribasso che va contrastato assolutamente, perché in questo modo da qualche parte si risparmierebbe, o sulla qualità dei materiali utilizzati, o sulle condizioni di lavoro del personale». E ricorda i progetti «in dirittura d’arrivo», dal porto storico alle terme, dal porticciolo all’oceanario. «Qesti consiglieri si meravigliano che un consorzio stabile guardi più in la del proprio naso? – si interroga Moscherini – ora capisco perché a Civitavecchia le imprese non si sono mai sviluppate, dato che qualcuno vuole la caramellina al posto della programmazione. Stoccate a Piendibene sotto l’aspetto della comunicazione: «Se fosse una persona corretta – dichiara Moscherini – avrebbe già dovuto riconoscere che la comunicazione di certi giornali amici suoi è faziosa e falsa. Sul fatto che non dovrei prepararmi la campagna elettorale posso solo dire che si tratta di becere calunnie. E poi occorre guardare chi sono i candidati sindaco: nel centrosinistra ci sono tre o quattro nomi che non riuscirebbero a mettersi d’accordo neppure in vent’anni, se poi vediamo i competitors del centrodestra …. La verità è che le larghe intese continueranno anche la prossima legislatura e il centrosinistra sappia che anche l’opposizione verrà giudicata dagli elettori». In fine attacca il Coordinamento della libertà che si è appena costituito: «Anche quelle sono larghe intese – afferma ironicamente – quelle dei fannulloni amanti della tresca che amano la libertà di non fare nulla».

ULTIME NEWS