Pubblicato il

«Non abbiamo paura di protestare come a Terzigno»

RIFIUTI. Il sindaco Augusto Battilocchio alza la voce contro l’ipotesi di una discarica ad Allumiere Il primo cittadino: «Con noi ci sono 15 Comuni pronti ad opporsi a questa malsana idea. Ci muoveremo anche in ambito Comunità europea visto che siamo Zps e territorio Sic»

RIFIUTI. Il sindaco Augusto Battilocchio alza la voce contro l’ipotesi di una discarica ad Allumiere Il primo cittadino: «Con noi ci sono 15 Comuni pronti ad opporsi a questa malsana idea. Ci muoveremo anche in ambito Comunità europea visto che siamo Zps e territorio Sic»

ALLUMIERE – Continua a più riprese a balzare nelle pagine dei media il nome di Allumiere come più probabile sito dove verrà impiantata la nuova mega discarica della capitale e almeno un impianto di smaltimento di rifiuti. Allumiere sembra essere il sito considerato ‘‘più idoneo’’ visto che la discarica sorgerebbe in un sito militare non utilizzato (di proprietà statale), composto da cave d’argilla e, da Roma, i rifiuti viaggerebbero lungo una linea ferroviaria già esistente. Ma c’é il problema dei costi del trasporto, che andrebbero a lievitare, e la reazione della popolazione locale. Tutti questi discorsi che da troppo si ripetono, rimbalzano tra Campidoglio e Regione Lazio e non semettono di mettere in allarme le popolazioni di Allumiere e dei comuni limitrofi. «Non riusciamo a capire l’assordante silenzio del sindaco di Roma – dicono – a cui continuiamo a scrivere lettere e mail, nè risuciamo a capire come mai la governatrice del Lazio, Renata Polverini, continua a non incontrarsi con noi. Noi ribadiamo fortemente la nostra contrarietà a quest’ipotesi scellerata e visto che in questi giorni lei ha detto che attende indicazioni dal Comune di Roma le chiediamo di ascoltare invece le nostre istanze, perchè in questo territorio siamo davvero stanchi di servitù». «Non abbiamo paura di organizzare una protesta simil-Terzigno – tuona il sindaco di Allumiere, Augusto Battilocchio – oltre a noi ci sono 15 comuni della provincia pronti a riunirsi in un comitato per opporsi a questa malsana idea. Perché Roma dovrebbe portare il suo grande problema qui da noi? Noi stiamo spendendo molto nella differenziata perchè non lo fanno anche loro? Finora abbiamo prodotto una serie di documenti e lettere inviati, tra gli altri, alla Regione Lazio e alla Provincia di Roma. Se ci dovesse essere il pericolo che si prosegua su questa scellerata ipotesi faremo i nostri passi anche in ambito della Comunità Europea, visto che siamo in una Zps e che parte del nostro territorio è Sic». Battilocchio poi ha anche spiegato che la sua giunta sta proseguendo di buona lena con la differenziata spinta: «Siamo entrati nell’ultima fase prima del porta a porta definitivo – ha concluso Battilocchio – abbiamo consegnato alle famiglie i contenitori per l’olio esausto da cucina, l’ecocalendario e un piccolo vademecum con le notizie e le spiegazioni sulla differenziata. L’8, il 12 e il 25 terremo le ultime 3 assemblee pubbliche per spiegare ai cittadini gli ultimi dettagli e poi si partirà a pieno regime. Abbiamo presentato alla Provincia di Roma un’ipotesi di candidatura per la realizzazione qui da noi di un impianto atto alal creazione di compost di qualità. Intanto continueremo a spingere in attesa di essere ricevuti dalla governatrice Polverini”. (Ro.Mo.)

ULTIME NEWS