Pubblicato il

«Rione Fiori fa parte di un consorzio privato»

S. Marinella. Roberto Bacheca spiega le ragioni del mancato intervento sull’impianto di illuminazione Il primo cittadino: «Il Comune non può in nessun modo intervenire in tale vicenda. Siamo disponibili ad assumere il controllo delle vie qualora i privati cedano la zona»

S. Marinella. Roberto Bacheca spiega le ragioni del mancato intervento sull’impianto di illuminazione Il primo cittadino: «Il Comune non può in nessun modo intervenire in tale vicenda. Siamo disponibili ad assumere il controllo delle vie qualora i privati cedano la zona»

di ALESSANDRO D’ALESSIO

SANTA MARINELLA – Rione Fiori, giungono rassicurazioni dal Comune. Era da tempo che i cittadini di via delle Mimose, via delle Orchidee e via dei Glicini segnalavano la mancanza di illuminazione pubblica e anche il pericolo cedimento, a causa delle piogge, del fosso di Valle semplice e chiedevano un intervento dell’amministrazione comunale. Secondo Roberto Bacheca, il problema della mancanza di luce è dovuto al fatto che l’area fa parte di un consorzio privato e quindi non può essere gestita dal Comune. «In primis – afferma Bacheca – ringrazio il quotidiano ‘‘La Provincia’’ che mi dà la possibilità di spiegare ai cittadini del quartiere Fiori le problematiche relative alla mancata illuminazione di via delle Mimose, via dei Glicini e via delle Orchidee, nonostante l’impianto sia stato installato già da diverso tempo. L’area è gestita da un consorzio privato ed il Comune non può in nessun modo intervenire in tale vicenda. Sicuramente siamo disponibili ad assumerci il controllo delle vie interessate qualora i privati intendano cedere la zona al Comune». «In quel caso – prosegue il sindaco – saremmo disposti a riqualificare tutta la zona, e quindi pavimentare il manto stradale e attivare l’illuminazione pubblica. Per quanto concerne invece la problematica relativa al cedimento di un argine del fosso Valle Semplice, informo che abbiamo approvato una delibera di giunta con la quale diamo mandato all’ufficio tecnico di predisporre il relativo progetto per eseguire celermente i lavori di messa in sicurezza del muro di contenimento, evitando così possibili disagi dovuti alla stagione delle piogge». «Comunque – conclude il primo cittadino – voglio ribadire la mia totale disponibilità a ricevere i residenti delle vie interessate e concordare con loro le eventuali soluzioni da porre in essere per tutte le problematiche che li riguardano». Cambiano i rioni, ma non i problemi. L’illuminazione e la presenza di fossi pericolosi affliggono svariate zone della città. Ma in questo caso, la risposta del primo cittadino non si è fatta attendere.

ULTIME NEWS