Pubblicato il

«Ritrovamenti, l’amministrazione fa orecchie da mercante»

ALLUMIERE. La minoranza capeggiata da Umberto Di Pietrantonio attacca la giunta sui Piani di zona di la Bianca «Il Sindaco Augusto Battilocchio tira in ballo scuse burocratiche: dice di attendere il parere della Soprintendenza, senza dare la giusta importanza alla più grande scoperta degli ultimi decenni, che sancisce con certezza il primo nucleo abitato del paese»

ALLUMIERE. La minoranza capeggiata da Umberto Di Pietrantonio attacca la giunta sui Piani di zona di la Bianca «Il Sindaco Augusto Battilocchio tira in ballo scuse burocratiche: dice di attendere il parere della Soprintendenza, senza dare la giusta importanza alla più grande scoperta degli ultimi decenni, che sancisce con certezza il primo nucleo abitato del paese»

ALLUMIERE – La minoranza di Allumiere torna ad attaccare l’amministrazione comunale sul tema dei Pdz della frazione La Bianca. Il capogruppo di ‘‘Allumiere nel cuore’’, Umberto Di Pietrantonio in una nota spiega che: «Da alcuni mesi a questa parte si stanno eseguendo scavi archeologici in località Prato Stopponi, lo stesso posto dove il consiglio comunale di Allumiere, con delibera approvata a maggioranza di voti, ha previsto la realizzazione di un piano di edilizia economico popolare caratterizzato da una colata di cemento con superamento delle altezze e delle cubature previste dalla variante del Prg senza un minimo di servizi per i cittadini della frazione. Malgrado la contrarietà dell’opposizione consiliare, dei residenti della frazione e dell’onorevole Tidei, i nostri amministratori comunali continuano imperterriti sulla strada intrapresa. Eppure gli scavi hanno permesso di riportare alla luce una chiesa del 1450 e un fattoria etrusca del VI secolo avanti Cristo. Intorno alla chiesa sono stati rinvenuti numerosi scheletri umani che testimoniano la presenza di un cimitero collocato nella corte della chiesa. Inoltre sull’altare della chiesa è stato rinvenuto uno scheletro umano che aveva tra le mani una medaglietta votiva. Dal momento che tutto intorno sono ancora presenti le testimonianza della coltivazione delle cave di allume si può supporre che la costruzione della chiesa debba riferirsi al periodo della nascita del primo nucleo abitato presso la frazione La Bianca». Di Pietrantonio poi pone l’accento sul fatto che in questo sito è stata scoperta una fattoria etrusca ai margini della chiesa, verso ovest, «che sia di epoca etrusca lo si deduce dai manufatti presenti su tutta l’area e dai reperti ritrovati, tra cui una olla ed una macina – prosegue ancora l’oppositore – e ciò che stupisce è che nonostante questi ritrovamenti così importanti sembra che gli amministratori comunali facciano orecchie da mercante e danno l’impressione di essere quasi dispiaciuti di aver ritrovato tracce così evidenti della presenza umana di ben oltre 2500 anni fa». Secondo la minoranza infatti «le spiegazioni del sindaco hanno un ‘‘sapore burocratico’’: dice infatti che attende la relazione Soprintendenza senza valutare la più grande scoperta degli ultimi decenni ad Allumiere, e che sancisce con certezza il primo nucleo abitato del nostro paese. Chiediamo di destinare una parte dei 6 milioni di euro ricevuti dall’Enel per una zona archeologica protetta». (R.M.)

ULTIME NEWS