Pubblicato il

«Si sono svegliati dal lungo letargo»

Tarquinia. Sui forti ritardi nei Lavori pubblici e sulla stagione balneare interviene il Pdl «Dal palazzo solo indiscrezioni sul cartellone estivo». Ma sabato lsarà illustrato il programma

Tarquinia. Sui forti ritardi nei Lavori pubblici e sulla stagione balneare interviene il Pdl «Dal palazzo solo indiscrezioni sul cartellone estivo». Ma sabato lsarà illustrato il programma

TARQUINIA – Il Popolo della Libertà di Tarquinia torna a criticare l’operato dell’amministrazione comunale in merito ai forti ritardi che coinvolgono i lavori pubblici a Tarquinia Lido e la programmazione degli spettacoli estivi. «Finalmente l’amministrazione Mazzola si è svegliata dal lungo letargo in cui era caduta. – tuona il Pdl – In queste ore, pressati dalle nostre continue sollecitazioni, sono iniziati i lavori di realizzazione delle strisce sul lungomare, sia quelle che delimitano la pista ciclabile, sia quelle che indicano le aree di sosta. Questi lavori arrivano a stagione balneare ormai inoltrata, ma visti i tempi biblici dell’amministrazione in carica non possiamo che rallegrarci».
«Rimane ancora sconosciuto il cartellone estivo degli spettacoli», dice il centrodestra ignaro della conferenza stampa indetta per sabato mattina per illustrare l’intero calendario estivo. «Dal Palazzo Comunale escono solo delle indiscrezioni – attacca il Pdl – ma ad oggi non c’è niente di ufficiale. È triste vedere che il 9 luglio, con la stagione balneare iniziata da un pezzo, ancora questa amministrazione non abbia pubblicizzato un programma estivo degno di Tarquinia. Le città vicine lo hanno reso noto da alcune settimane, mentre i turisti, i cittadini e gli operatori commerciali e turistici di Tarquinia rimangono ancora nell’incertezza». «Non vorremmo – incalza il Pdl – che la montagna partorisse il solito topolino. Infine, vogliamo rispondere alle critiche avanzate nei giorni scorsi dal vicesindaco Serafini, al quale ricordiamo che quando amministrava il Pdl, i Repubblicani erano parte integrante della maggioranza di centrodestra. Per poi schierarsi lestamente col cavallo vincente».
Ale.Ro.

ULTIME NEWS