Pubblicato il

«Teseo non deve morire»

Tutta Montalto di Castro si mobilita per ridare una speranza al cane di quartiere Il bastardino è ricoverato in clinica. Avviata raccolta di fondi per sottoporlo ad una costosa operazione

Tutta Montalto di Castro si mobilita per ridare una speranza al cane di quartiere Il bastardino è ricoverato in clinica. Avviata raccolta di fondi per sottoporlo ad una costosa operazione

MONTALTO DI CASTRO – Tutta Montalto di Castro si mobilita per salvare ‘‘Teseo’’ il piccolo ‘‘cane di quartiere’’, divenuto la mascotte della Misericordia e del 118 di Montalto di Castro. Qualche giorno fa il bastardino di sei anni è stato trovato dolorante da una delle volontarie del soccorso medico. L’animale era rannicchiato a terra, sotto l’abitazione della donna, che vedendolo così sofferente e impossibiliatato a muoversi ha deciso di ricorrere alle cure della clinica veterinaria locale. Qualcosa di grave era sicuramente successo, ha pensato la donna, che l’ha fatto sottoporre a tutti gli esami del caso. In clinica, al piccolo Teseo, sono stati subito somministrati dei medicinali antidolorifici, senza che però si registrasse alcun miglioramento. La povera bestiola continuava a lamentarsi. La dottoressa Irene Geronzi ha dunque predisposto esami di controllo e radiografie che hanno evidenziato una grave lesione alla spina dorsale, che non permette all’animale di stare in piedi con le zampe posteriori. È probabile pensare che il piccolo cane sia stato investito o addirittura picchiato. Il veterinario, dopo la visita è stato categorico: o si opera per provare a ridare funzionalità agli arti posteriori, oppure si decide per la soppressione al fine di evitargli inutili sofferenze. I volontari della Misericordia non hanno però avuto dubbi. Nonostante la grande spesa economica che richiedeva l’intervento, circa mille euro, hanno deciso di andare avanti. «Teseo non deve morire – hanno detto i volontari- sono quattro anni che è con noi, è la nostra mascotte e ci siamo affezionati, ci ha accompagnato in tutte le cerimonie e viene sempre con noi quando non abbiamo interventi. La sua cuccia è proprio davanti la sede. Abbiamo deciso di farlo operare, e iniziato una raccolta di fondi per l’intervento, distribuendo raccoglitori nei bar. La gente ha risposto alla grande, tutto il paese gli vuole bene e questo ci commuove». Ogni giorno c’è la fila di persone che va a trovarlo per vedere le sue condizioni, ma per Teseo, ora in convalescenza, il momento della verità arriverà tra qualche giorno, quando si conoscerà il responso dell’operazione. Il cane dovrà inoltre essere sottoposto ad apposite terapie. Tutto il paese è ora col fiato sospeso.

ULTIME NEWS